WhatsApp, come tornare ai vecchi messaggi di stato

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 24 Aprile 17 Autore: Stefano Fossati
Ossessionata dall’obiettivo di inserire funzionalità “ispirate” a Snapchat in ogni sua applicazione, Facebook ha introdotto in WhatsApp i nuovi “messaggi di stato” che - al posto di indicazioni “statiche” come “al lavoro”, “in palestra” o “al cinema” - permettono ora di condividere con tutti i propri contatti foto e video “effimeri”, che scompaiono dopo 24 ore, con la possibilità di monitorare minuto per minuto chi abbia guardato ed eventualmente commentato la propria immagine di stato. La novità, a dire il vero, non ha suscitato particolari entusiasmi: sebbene la società non abbia fornito dati sul suo utilizzo, a giudicare dalle reazioni degli utenti sui social il gradimento per la nuova funzionalità non sembra essere dei più elevati.

WhatsApp, come tornare ai vecchi messaggi di stato - immagine 1

Marketing con Snapchat. Guida alla comunicazione con il social network dei millennial
Amazon.it: 19,00 €
Compra ora
Molti sono, infatti, coloro che non hanno alcuna voglia di cambiare immagine ogni giorno e chiedono di tornare ai “vecchi” e semplici messaggi di stato. Devono essersene accorti anche i responsabili della stessa WhatsApp, tanto da decidere una precipitosa, anche se parziale, marcia indietro: nella nuova versione beta dell’app di messaggistica compare un’opzione che consente di nuovo all’utente di inserire un breve testo (comprensivo di emoji) per indicare il proprio stato, pur mantenendo la possibilità, per quanti lo desiderino, di continuare a utilizzare la funzionalità di condivisione di foto e video “a tempo”. Come in passato, i messaggi di stato potranno essere personalizzati nelle impostazioni del proprio profilo.

Al momento non vi sono annunci ufficiali su quando sarà rilasciato l’aggiornamento di WhatsApp che offrirà la tanto desiderata possibilità di tornare ai messaggi di stato testuali: trattandosi attualmente di una funzione in fase di beta testing, potrebbe essere questione di ore, di giorni o anche di settimane. Se proprio non potete attendere e avete uno smartphone Android, potete scaricare l’ultima beta dell’app (versione 2.17.95) dalla piattaforma APK Mirror (per installarla sarà necessario abilitare l’opzione “Sorgenti sconosciute” nelle impostazioni di sicurezza del dispositivo) o iscrivendovi al programma tester ufficiale di WhatsApp.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE