Twitter valuta il lancio di un servizio a pagamento

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 27 Marzo 17 Autore: Stefano Fossati
Twitter potrebbe diventare a pagamento. Non per tutti, però: la società, ancora alla ricerca di nuove strade per rilanciare il proprio business a fronte di una crescita ormai irrisoria del numero di utenti, sta valutando la possibilità di lanciare un’opzione premium per le aziende e i cosiddetti “power user”. Gli abbonati al servizio a pagamento avrebbero accesso a una versione evoluta di Tweetdeck, l’interfaccia che offre una serie di funzionalità avanzate del social network.

“Questo strumento premium - sottolinea Twitter in un’email inviata ad alcuni selezionati utenti - fornirà funzionalità di valore di visualizzazione, pubblicazione e segnalazione, quali alerts, trend e analisi delle attività, analisi avanzate e strumenti di composizione e pubblicazione, tutto in una sola dashboard personalizzabile. Sarà progettata per rendere più facile che mai seguire molteplici argomenti di interesse, far crescere la vostra audience e vedere in tempo reale contenuti e informazioni sempre più accattivanti”.

Twitter valuta il lancio di un servizio a pagamento - immagine 1

Il gruppo sta attualmente proponendo dei sondaggi ad alcuni dei propri utenti per verificare se esista un potenziale interesse per un servizio premium. “Conduciamo regolarmente delle ricerche fra gli utenti per raccogliere feedback sull’esperienza delle persone su Twitter e orientare meglio le nostre decisioni sugli investimenti sul prodotto, e stiamo esplorando diversi modi per rendere Tweetdeck sempre più utile per i professionisti”, ha fatto sapere la società in un comunicato.

Se l’idea dovesse concretizzarsi, potrebbe rappresentare una nuova fonte di introiti per Twitter: attualmente l’unica entrata significativa per il social network dei 140 caratteri è rappresentata dalla pubblicità, i cui proventi sono tuttavia in calo nonostante la crescita generale del mercato dell’advertising online. L’idea di realizzare una versione premium del servizio non è peraltro nuova: già nel 2009 il cofondatore di Twitter Biz Stone aveva annunciato l’assunzione di un product manager proprio per lo sviluppo di funzionalità a pagamento, che tuttavia non hanno mai visto la luce. Stone lasciò poi la compagnia nel 2011, mentre in questi anni diverse aziende esterne, come SocialFlow o HootSuite, hanno iniziato a offrire ai loro clienti servizi avanzati per sfruttare Twitter per le loro esigenze di comunicazione professionale.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: P2P e Web

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE