Troppi aloni sulle foto scattate con la “superfotocamera” dei Pixel, gli smartphone di Google

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 28 Ottobre 16 Autore: Stefano Fossati
Google scivola sulla fotocamera dei suoi nuovi smartphone Pixel. Alcuni dei primi acquirenti (nei Paesi in cui questi dispositivi sono attualmente in vendita) lamentano la frequente comparsa del cosiddetto “effetto lens flare” (una sorta di alone luminoso causato dalla lente dell’obiettivo) nelle immagini scattate con la fotocamera posteriore, come in effetti appare in alcune foto postate in Rete.

Troppi aloni sulle foto scattate con la “superfotocamera” dei Pixel, gli smartphone di Google - immagine 1

Intendiamoci, quando si fanno fotografie in presenza di forti fonti di luce diretta gli aloni possono emergere nelle immagini scattate con qualsiasi fotocamera; tuttavia, il confronto diretto con le foto effettuate con alcuni smartphone concorrenti confermerebbe che, sui Pixel e Pixel XL, il fenomeno si presenti con maggiore frequenza. Un bel problema per il colosso di Mountain View, visto che uno dei principali punti di forza di questi smartphone rispetto ai diretti rivali dovrebbe essere rappresentato proprio dalla qualità della fotocamera, pubblicizzata come “la camera con il punteggio più alto mai ottenuto da uno smatphone”. E in effetti il sito DxOMark, uno dei più importanti punti di riferimento mondiali nella valutazione delle prestazioni fotografiche (anche) dei dispositivi mobili, assegna a quella del Pixel il rating più elevato, 89 punti, un punto più di Samsung Galaxy S7 Edge, HTC 10 e Sony Xperia X. Anche se il test dello stesso DxOMark aveva evidenziato che “il flairing è a volte un problema negli scatti in pieno sole”, non rilevandolo però sotto altre fonti di luce.

Troppi aloni sulle foto scattate con la “superfotocamera” dei Pixel, gli smartphone di Google - immagine 2

Eppure l’eccessiva tendenza al flairing viene sottolineata anche in alcune recensioni dei Pixel (basta una veloce ricerca su Google e YouTube per averne la conferma), secondo le quali questo difetto può rovinare irrimediabilmente molte foto. La stessa Google ammette l’esistenza del problema, sottolineando che non si tratta di una difettosità di alcuni esemplari ma di una caratteristica comune a tutti i Pixel e assicura che sarà risolto nelle prossime settimane attraverso un aggiornamento software che introdurrà un algoritmo in grado di rilevare gli aloni all’interno degli scatti e di correggerli automaticamente nella generazione delle immagini.

Una rassicurazione che tuttavia non convince diversi possessori dei due smartphone, alcuni dei quali annunciano nel forum l’intenzione, a seguito d questo problema, di restituire il dispositivo appena acquistato.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE