Spendi bene, compra Web

Naviga SWZ: Home Page » Articoli
Articolo del 12 Settembre 04 Autore: Eymerich, Stefano Nurchi, Federico Vitali
Spendi bene, compra Web
La Rete offre innumerevoli possibilità, e i mercati virtuali appaiono indubbiamente fra quelle più interessanti. Una certa diffidenza è però sempre alquanto avvertibile, soprattutto in Italia. Naturalmente Internet non è solo rose e fiori, e qualche insidia più o meno celata può essere in agguato: virus, dialer, truffe via email, spyware. Chi fosse incappato in problematiche di questo genere sarà certamente afflitto da forti timori, magari uniti all'idiosincrasia italica per l'uso delle carte di credito. Nelle prossime pagine esamineremo alcune delle più comuni forme di shopping online, prendendo in considerazione gli accorgimenti indicati perchè gli acquisti nel mondo digitale siano più lineari e piacevoli, non meno di quanto ci si aspetta che siano nel familiare mondo analogico.[1] Gli acquisti onlineEsistono diverse modalità per completare un acquisto in un negozio online, lievemente differenti a seconda delle possibilità offerte. Una soluzione estremamente comoda è il carrello virtuale: faremo le nostre scelte, accumulando il tutto in questo comodo contenitore personalizzato, e passeremo quindi alla cassa, scegliendo tra le varie tipologie di pagamento contemplate. Per l'utilizzo di questo sistema è talvolta richiesta l'accettazione di un cookie. Meno pratico, ma spesso presente soprattutto in caso di siti nostrani o di profilo non estremamente professionale, il modulo di acquisto da compilare manualmente. Occhio a non commettere errori. Numerosi siti richiedono una preventiva registrazione per poter effettuare gli acquisti, procedura che può apparire invadente, ma in realtà utile in caso di frequenti visite al negozio, così da evitare il necessario inserimento di tutti i dati richiesti ad ogni nuovo passaggio alla cassa. Raccomandiamo ovvia attenzione per tutto ciò che riguarda la concessione all'utilizzo dei nostri dati personali. Una buona organizzazione commerciale prevederà molteplici eventualità di pagamento: carta di credito, contrassegno, bonifico bancario. Possibile in certi casi anche la rateizzazione del pagamento. Rivolgersi a negozi esteri rende praticamente obbligatorio l'utilizzo di carta di credito o simili strumenti di pagamento immediato a distanza. Importante ricordare che avremo quasi sempre la possibilità di far inviare i prodotti scelti presso un indrizzo differente da quello di fatturazione, se ad esempio intendessimo fare un regalo, o se preferissimo ricevere il pacco presso il nostro luogo di lavoro. Un consiglio che potrebbe sembrare scontato, ma che spesso si rivela prezioso: non fermarsi al primo negozio che propone l'oggetto che stiamo cercando, ma confrontare sempre i prezzi praticati dalla concorrenza. Per fare un esempio, è spesso possibile notare oscillazioni di oltre il 30% per prodotti del settore elettronico, televisori, telefoni cellulari. Per alcune ricerche può tornare utile affidarsi ad un sito come Costameno.itQuando possibile, per i più diffidenti può essere di conforto sfruttare la spedizione in contrassegno: pagherete quanto dovuto solo al ricevimento della merce, ma contestualmente sarete tenuti anche a rimborsare (spesso, non sempre) le spese sostenute dal venditore per tale servizio. Spese che possono gravitare attorno a cifre prossime ai 5 Euro. Le proposte valutabili per ciò che concerne la spedizione sono ovviamente legate anche alla tipologia di merce acquistata. Prodotti poco voluminosi o di scarso valore sono spesso offerti con normale spedizione postale, costi contenuti e risultati soddisfacenti (Pacco Celere di Poste Italiane è ad esempio una buona soluzione, sebbene SDA, corriere controllato da Poste Italiane e gestore del servizio, non sia sempre del tutto impeccabile). Acquisti che prevedano un sostanzioso esborso o un notevole volume di ingombro sono in genere inviati tramite corriere espresso, con tariffe "a peso". La spedizione di una lavatrice può avere un costo che si aggira fra i 30 e 40 Euro, un cellulare difficilmente sarà oltre i 10 Euro. In alcuni casi è prevista gratuitamente l'assicurazione di quanto trasportato. Anche per acquisti effettuati all'estero la situazione non è molto differente; talvolta il corriere espresso è però l'unica soluzione suggeribile per spedizioni internazionali. Ovviamente dipende anche in questo caso da ciò che avete comprato: un banale DVD scovato in California può benissimo essere inviato tramite posta aerea ordinaria (se il venditore lo prevede), e in un paio di settimane circa vi arriverà senza particolari intoppi, a costi in ogni caso non troppo contenuti. Superfluo sottolineare che più strada farà il vostro pacco, passando di mano in mano, maggiori saranno le possibilità di danneggiamento o smarrimento. Eventualità tutt'altro che all'ordine del giorno, ma sicure fonti di solenni smoccolamenti nel caso si avverassero. Peraltro è consigliabile, quando possibile e minimamente conveniente, rivolgersi a venditori dell'area CEE, soprattutto in caso di acquisti di un certo valore, per non incorrere in eventuali complicazioni doganali (oltre che per limitare le spese di consegna). Quando infatti importate un prodotto di provenienza extracomunitaria, superato un certo valore massimo (si parla di € 45, ma pare che le dogane tendano ad essere un po' bizzose...), sarete soggetti al pagamento dell'IVA e del relativo dazio doganale. Per maggiori chiarimenti su tale tassazione, potete prelevare da MercatoGlobale.it le relative disposizioni CEE in formato PDF. Non azzardatevi nemmeno a pensare di poter importare alcolici o sigarette in quantità industriali. In fin della fiera, ne consegue che sia doveroso far quattro conti prima di procedere: la fotocamera digitale XXX che in Giappone viene offerta a 200 Euro (175 € + spese di spedizione, diciamo 25 €), potrebbe alla fine costarvi circa 250 Euro. La stessa fotocamera, venduta online in Italia magari a 230 - 240 Euro tutto compreso, valutati tutti i pro e i contro, sarebbe forse da preferirsi. Sebbene talvolta in dogana passi un po' di tutto, dipende dalla Luna... Talvolta i nostri acquisti sono "obbligati", perchè magari il pezzo ricercato è di difficile reperibilità, e viene proposto solo da un unico sito: un'attenta valutazione di vantaggi e problematiche ci farà decidere se procedere nella transazione, o rimandare a tempi migliori. Ovvio che non sia il caso di ordinare un banale libro di ampia tiratura o una bottiglia di latte a 500 km di distanza. Per qualsiasi tipologia di acquisto è sempre obbligatorio consultare a fondo tutte le informazioni che ci vengono fornite dal sito che stiamo visitando, sia per valutarne la professionalità, sia per non commettere errori. Ovviamente non sperate di trovare informazioni in lingua italiana presso un rivenditore nipponico... Una minima conoscenza di lingua inglese sarà comunque sufficiente per potersela cavare. Se è poi vero che nella buona maggioranza dei casi l'acquisto via Web sarà più conveniente rispetto ai prezzi praticati dai rivenditori tradizionali, non disdegnate una doverosa capatina perlustrativa nel negozio sotto casa. Le sorprese sono sempre possibili e talvolta meno infrequenti di quanto si possa pensare.


[  [1] 2  3  4  5     Successiva » ]
Pagine Totali: 8

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter