Snapchat, lotta dura a "fake news" e "clickbait" per battere Facebook

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 24 Gennaio 17 Autore: Stefano Fossati
Anche Snapchat lancia la sua battaglia contro le ”fake news”. Anzi, proprio per distinguersi da Facebook, anche in vista della quotazione in borsa attesa la prossima primavera, il social network più amato dai giovanissimi intende proporsi (anche) come la piattaforma più affidabile per le notizie. Snap, la società che controlla Snapchat, ha aggiornato le linee guida per gli editori partner che pubblicano i loro contenuti nella sezione Discover, vietando espressamente l’utilizzo di immagini fuorvianti o prive di valore editoriale e utilizzate soltanto per attirare il “click” del lettore. La pubblicazione di materiali in contrasto con gli orientamenti della piattaforma sarà inoltre consentita solo se saranno “degni di nota”. Agli editori è lasciata la valutazione sull’opportunità di non pubblicare contenuti che reputino non adatti ai minori.

Snapchat, lotta dura a "fake news" e "clickbait" per battere Facebook - immagine 1

“Consideriamo molto seriamente la responsabilità di essere una fonte di notizie, intrattenimento e informazione per la nostra community di oltre 150 milioni di snapchatter attivi al giorno”, si legge in una nota di Snapchat. Si tratta dell’ennesima iniziativa intrapresa dal social network per migliorare l’usabilità e raggiungere un numero sempre più elevato di utenti, e non necessariamente fra i teenager, scrollandosi di dosso l’etichetta di “app per il sexting” e trasformandosi in una vera piattaforma social: all’inizio di questo mese è stata introdotta la nuova barra di ricerca per semplificare la navigazione dell’app, mentre è della settimana scorsa l’annuncio che Michael Lynton ha lasciato la poltrona di CEO di Sony Entertainment per assumere a tempo pieno il ruolo di presidente del Consiglio di Amministrazione di Snapchat. L’obiettivo è presentarsi agli investitori di borsa, nei prossimi mesi, con la più ampia base di utenti possibile, mostrando al tempo stesso un’immagine “pulita” e affidabile.

Nelle scorse settimane, anche Facebook ha preso provvedimenti contro il “clickbait” (la pratica di utilizzare titoli e immagini “a effetto”, anche se non attinenti ai contenuti cui sono associati, allo scopo di attirare i click degli utenti), modificando i suoi algoritmi per penalizzare la visibilità di queste notizie.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: P2P e Web

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE