Pericolo smartphone: aumentano i morti fra i pedoni

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 31 Marzo 17 Autore: Stefano Fossati
Aumentano in modo esponenziale gli incidenti mortali per i pedoni negli Stati Uniti, più di quelli che coinvolgono i motociclisti. Colpa soprattutto degli smartphone. Secondo le proiezioni della Governors Safety Association, che rappresenta gli uffici per la sicurezza stradale degli stati americani, le morti di pedoni negli Stati Uniti sono cresciute dell´11% lo scorso anno, raggiungendo quasi quota 6mila, il record degli ultimi 20 anni. Rispetto al 2015, nel 2016 ci sono state 620 morti in più.

Pericolo smartphone: aumentano i morti fra i pedoni - immagine 1

Dietro questo aumento vi sarebbe appunto, in primo luogo, la distrazione collegata all´utilizzo di smartphone e altre apparecchiature elettroniche, sia mentre si cammina sia quando si è alla guida delle auto. Comportamento diffuso non solo negli Stati Uniti, ma anche in Italia e in molti altri Paesi. "Questo è l´unico fattore che sembra indicare un drammatico cambiamento nel comportamento della gente", ha sottolineato Richard Retting, direttore della Sam Schwartz Transportation Consultants che ha realizzato la rierca. Nel 2015 era stato registrato un aumento delle morti tra i pedoni del 9% e dal 2000 al 2015 l´incremento è stato dal 25%.

"Per il secondo anno consecutivo, abbiamo assistito ad una crescita senza precedenti nelle fatalità tra i pedoni e ciò e tanto triste quanto allarmante", ha commentato Retting. Complessivamente, i morti sulle strade americane sono aumentati del 6% lo scorso anno e la quota di pedoni è salita dall´11% del totale nel 2006 al 15% nel 2015. Smartphone a parte, l´alcol si conferma un fattore importante per le morti sulle strade: il 34% dei pedoni e il 15% di guidatori coinvolti in incidenti mortal era ubriaco.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE