Nokia 3310: nuovo, bello, ma a che cosa serve?

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 27 Febbraio 17 Autore: Stefano Fossati
C’era una volta il Nokia 3310. Erano i primi anni 2000, la casa finlandese era leader incontrastato del mercato dei telefoni cellulari, nel quale Samsung giocava un ruolo quasi marginale e Apple era completamente assente. Con poche eccezioni, destinate per lo più a manager e agenti di commercio, i “telefonini” erano ancora ben poco “smart” e il 3310, prodotto dal 2000 al 2005 in oltre 126 milioni di esemplari, divenne una vera e propria icona.

Nokia 3310: nuovo, bello, ma a che cosa serve? - immagine 1

Febbraio 2017: i telefoni Nokia, dopo l’acquisizione della relativa divisione da parte di Microsoft, sono pressoché spariti dai negozi ma al Mobile World Congress di Barcellona HMD Global, la startup finlandese che ha acquisito in licenza l’utilizzo del marchio sui dispositivi mobili, presenta i modelli del rilancio. Primo fra tutti… il 3310. Non si tratta ovviamente dell’originale di 15 anni fa, ma di una riedizione aggiornata che riprende dall’illustre predecessore, oltre al nome, il design e parte dei contenuti.

Nokia 3310: nuovo, bello, ma a che cosa serve? - immagine 3

Il nuovo Nokia 3310 è un “feature phone” (termine oggi utilizzato per indicare i telefoni cellulari “non smart”) semplice ed economico, con limitate capacità di accesso a internet (supporta solo le lentissime reti 2.5G Gprs) ed è basato sullo storico sistema operativo S30+ della stessa Nokia, che offre un assortimento di app risibile rispetto ad Android e iOS (ma il “mitico” gioco Snake è preinstallato). Il display, più grande di quello del 3310 originale, è a colori ma non è touch, la batteria – secondo la casa – ha un’autonomia di un mese di standby e 22 ore di conversazione. L’unica fotocamera (posteriore) è da 2 megapixel.

La nuova generazione del Nokia 3310 sarà disponibile nella seconda metà dell’anno, in quattro colori (grigio, rosso, blu, giallo), a 49 euro. Anche se, secondo Marta Valsecchi, direttore dell´Osservatorio Mobile B2c Strategy del Politecnico di Milano, farà parlare di sé più sulla stampa che tra i consumatori: "E´ un´operazione nostalgia - commenta - che però ha, a mio avviso, ben poche probabilità di successo. Certo, potrebbe catturare una nicchia di persone che continuano a preferire il cellulare per chiamare e mandare sms, invece che per navigare in internet, usare i social, le chat e le applicazioni. Ma si tratta di una nicchia appunto. Chi utilizzava negli anni 2000 il Nokia 3310 e oggi ha in mano uno smartphone ha la chiara percezione del salto abissale che il mercato della telefonia mobile ha fatto negli ultimi 10 anni e non ha certo intenzione di rinunciare alla user experience attuale, nonostante rimpianga la durata delle batterie dei vecchi telefonini". Insomma, "sarebbe stato come riproporre sul mercato la Fiat 500 con caratteristiche tecniche e di design molto simili alla vettura originaria, senza invece adattarsi ai nuovi standard di mercato".

L´impressione, in effetti, è che il "rilancio" del 3310 sia pensato più che altro per attirare l’attenzione dei media e del pubblico sulla presentazione degli smartphone con cui la “nuova” Nokia si appresta a tornare nei negozi europei. La gamma prevede tre dispostivi Android (nella più recente versione 7.1.1 Nougat) prodotti dalla taiwanese Foxconn e disponibili dalla prossima primavera: al top c’è la versione occidentale del Nokia 6, già in vendita in Cina da gennaio, con display da 5,5 pollici 1080p: da noi sarà dotato dell’assistente virtuale Google Assistant finora visto solo sugli smartphone Pixel e sull’altoparlante intelligente Home della stessa Google (ma non ancora disponibile in lingua italiana). Costerà 229 euro, che diventeranno 299 per l’edizione speciale “Arte Black”.

Nokia 3310: nuovo, bello, ma a che cosa serve? - immagine 5

Microsoft Lumia 650 Smartphone da 16GB, Dual SIM, Bianco [Italia]
Amazon.it: 125,00 € - Prezzo scontato, stai risparmiando: 134,99 €
Compra ora
Ancora più economico il Nokia 5 (189 euro) con display da 5,2 pollici HD, processore Snapdragon 430, 2 GB di RAM e 16 GB di storage (espandibili con microSD), fotocamera posteriore da 13 MP e anteriore da 5 MP, scocca totalmente in alluminio. L’entry level sarà rappresentato dal Nokia 3 (139 euro), simile al Nokia 5 ma con processore MediaTek MT6737, fotocamere da 8 MP sia anteriormente che posteriormente, batteria da 2650 mAh anziché 3000 mAh e scocca policarbonato su telaio in alluminio. Tre onesti smartphone, interessanti soprattutto per i prezzi, ma che prevedibilmente non avranno vita facile in una fascia di mercato (quella medio-bassa) ormai affollatissima di dispositivi con caratteristiche simili: HMD promette una particolare attenzione alla parte software, con poche personalizzazioni non invadenti rispetto alla versione “stock” di Android e aggiornamenti frequenti e tempestivi, a tutto vantaggio della sicurezza. Basterà a fare la differenza, insieme con lo “storico” marchio Nokia?

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE