Mac, Tim Cook dà la scossa a Apple: “Torneremo a fare grandi desktop”

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 21 Dicembre 16 Autore: Stefano Fossati
Gli iPhone continuano a generare la maggior parte dei ricavi di Apple, ma l’attuale andamento del mercato degli smartphone - che vede la quota di Cupertino ridursi attorno all’11-12% di fronte alla crescita sempre più aggressiva dei produttori cinesi – deve avere fatto scattare un campanello di allarme ai piani alti dell’azienda. Tanto che il CEO Tim Cook, in un messaggio interno diffuso ai dipendenti, si preoccupa di allontanare la sensazione che il gruppo abbia abbandonato il settore dei computer desktop, proprio quello a cui deve la sua iniziale popolarità.

In un post sul sistema di messaggistica interno, di cui il sito Techcrunch ha riferito il contenuto, il manager spiega che “qualcuno nei media si è domandato se siamo ancora interessati ai desktop. Se esiste qualche dubbio in proposito fra i nostri team, lasciate che sia molto chiaro: abbiamo grandi desktop nei nostri piani. Nessuno dovrebbe avere timori su questo punto”.

Mac, Tim Cook dà la scossa a Apple: “Torneremo a fare grandi desktop” - immagine 1

In effetti negli ultimi anni, a fronte di costanti annunci di nuovi iPhone e iPad, la linea dei Mac sembra essere stata un po’ trascurata da Apple: gli stessi MacBook Pro lanciati a ottobre sono andati a sostituire i modelli della generazione precedente dopo oltre quattro anni di presenza sul mercato, mentre non vi sono al momento notizie su prossime novità riguardanti altre linee di prodotto e in particolare proprio fra i desktop, molti dei quali ricevono da anni solo minimi aggiornamenti di routine. E’ il caso ad esempio del Mac Mini, rinnovato l’ultima volta più di due anni fa (ottobre 2014) o del Mac Pro (nella foto), l’ammiraglia dei desktop Apple, lanciato nelle versioni attuali ben tre anni fa e rimasto sostanzialmente invariato da allora. E le vendite ne risentono.

Ciononostante, Cook sottolinea nel suo messaggio di ritenere i desktop “particolarmente strategici” per la società: “Sono unici in confronto ai notebook – scrive - perché si possono offrire prestazioni molto superiori con un desktop – schermi più grandi, maggiori quantità di memoria e di spazio di archiviazione, un più grande assortimento di porte di comunicazione (tallone d’Achille dei recenti MacBook Pro, ndr) e performance più veloci”.

In un altro messaggio interno Tim Cook spiega i motivi per cui, la settimana scorsa, ha incontrato il presidente eletto degli Stati Uniti Donald Trump: l’obiettivo, sottolinea, è essere parte dei colloqui su temi come lavoro, politiche fiscali, privacy e ambiente. “Personalmente – scrive il CEO – non ho mai trovato che rimanere ai margini sia una posizione di successo. Per incidere su queste questioni bisogna essere nell’arena”.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Hardware

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE