Local Freddie, l’Uber dei city tour con i piedi in Italia e la testa a Londra

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 08 Novembre 16 Autore: Stefano Fossati
L’obiettivo è ambizioso: diventare l´Airbnb o l´Uber dei city tour. Tanto più se si considera che l’iniziativa non nasce nella Silicon Valley ma in Italia. Ma Vittoria Arnold, giovane imprenditrice italiana e Paolo Giorgetti, docente universitario, cofondatori di Local Freddie, guardano ai mercati globali, tanto che il primo step della loro iniziativa ha come protagonista la città di Londra.

Local Freddie è in pratica l’applicazione del concetto di sharing economy alle guide che accompagnano i turisti in giro per la città: un’app per Android e iOS che permette di visitare la città attraverso tour personalizzati con le persone del posto. Partita pochi mesi fa, attualmente offre oltre 80 guide locali per vivere la City, che arriveranno a sfiorare quota 100 entro fine anno. E se il 2017 sarà l’anno di consolidamento dell’attività su Londra, l’obiettivo è quello di replicare il progetto in altre città europee e non solo.

Local Freddie, l’Uber dei city tour con i piedi in Italia e la testa a Londra - immagine 1

L’app permette di selezionare la propria guida locale così come il tema del tour che si vuole intraprendere scegliendo fra i vari “Tag of Interest” proposti, ovvero gli argomenti o conoscenze che il “freddie” (la guida) e il turista hanno in comune e possono condividere: dai parchi ai mercatini vintage, dalle gallerie d’arte ai pub più in, passando per la night life e molto altro. Ad esempio ci sono freddie che accompagnano gli utenti in una città a misura di bambini, oppure specializzati in shopping, pub o ristoranti davvero caratteristici, o ancora in grado di aiutare a districarsi nella rete dei trasporti pubblici. Se non si padroneggia granché l’inglese, la scelta della guida può essere basata anche sulla lingua parlata (in totale sono sei quelle parlate dall’attuale compagine di guide). Una volta espressa la propria preferenza, l’app mostra l’elenco di freddie disponibili in base a data e orario preferiti, fra i quali l’utente può scegliere il proprio compagno di avventura.

L’app si scarica gratuitamente, mentre il servizio costa 27 euro l’ora (ma in fase di prenotazione è possibile usufruire di sconti e promozioni): il costo è a tour, non a persona, pertanto la spesa può essere divisa fra piccoli gruppi di partecipanti. Il pagamento elettronico viene effettuato tramite registrazione della carta di credito o debito al servizio Stripe. Coloro che si propongono come “freddie” possono condividere la propria visione e le proprie conoscenze sulla loro città, incontrare persone nuove e guadagnare un piccolo extra (la società sottolinea di trattenere solo una minima percentuale per le spese di struttura e per la gestione): sempre meglio che pedalare a rotta di collo per consegnare pizze e sushi...

“Come spesso accade è la maturazione della consapevolezza di un’esigenza che fa scattare la molla che trasforma magicamente le difficoltà incontrate in opportunità”, spiega Vittoria Arnold; “E’ proprio così che è nata la nostra startup, è bastato raccontare l’idea ad amici e conoscenti per destare entusiasmo e costruire un finanziamento dal basso degno dei migliori crowdfundig. E stiamo già considerando di esportare il modello in città europee e oltreoceano”.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE