Light Phone, per staccare dallo “stress da smartphone”. Ma non bastava un telefonino da 15 euro?

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 16 Novembre 16 Autore: Stefano Fossati
Siete vittime dello “stress da smartphone”? Non ne potete più di essere costantemente connessi a social media, WhatsApp, email, internet e al continuo flusso di notifiche delle più svariate app? Vorreste ogni tanto “staccare la spina” dal vostro dispositivo “intelligente” senza per questo perdere la possibilità di telefonare ed essere rintracciati? Apparentemente la soluzione è semplicissima: basta andare in un qualsiasi centro commerciale e, con una spesa di 15-20 euro, comprare un telefonino “basico”, sul quale trasferire la sim ogni qual volta ci si voglia prendere un po’ di “respiro” dalle ossessioni della vita “always on”, magari disabilitando addirittura gli sms.

Soluzione semplicissima, dicevamo, forse sin troppo semplice per Joe Hollier e Kaiwei Tang, cofondatori di Light Phone, una startup di Brooklyn che - attraverso una raccolta fondi da 415mila dollari su Kickstarter - ha lanciato l’omonimo progetto per un telefono in grado soltanto, guarda un po’, di fare e ricevere telefonate. Come il telefonino da 15-20 euro del centro commerciale, con la differenza che il Light Phone, per funzionare, deve essere connesso tramite un’app allo smartphone (Android o iPhone) dell’utente. Attraverso questa app, infatti, lo smartphone inoltrerà al Light Phone le chiamate in arrivo (c’è anche la possibilità di disabilitare l’inoltro di telefonate da determinati numeri “indesiderati”), utilizzando la “vecchia” rete GSM: il dispositivo, privo di qualunque connessione a internet, è infatti dotato di una nano sim 2G grazie alla quale, oltre a ricevere le telefonate inoltrate dallo smartphone, può effettuare direttamente delle chiamate.

Light Phone, per staccare dallo “stress da smartphone”. Ma non bastava un telefonino da 15 euro? - immagine 1

Rispetto al telefonino del centro commerciale, la soluzione della startup americana evita il disturbo di trasferire la sim ogni volta che si passa dallo smartphone al Light Phone e viceversa, però comporta dei costi decisamente più alti: innanzi tutto quello per l’acquisto del dispositivo, che su Kickstarter era proposto al prezzo di lancio di 100 dollari, e poi quelli relativi all’inoltro delle chiamate sulla rete GSM. La società assicura ai clienti negli Stati Uniti un “pacchetto” di 500 minuti gratuiti e intende realizzare partnership con gli operatori di telecomunicazioni per estendere questo limite e per offrire i minuti gratuiti anche ai clienti internazionali, ma per ora non c’è nulla di certo. In assenza di connessione allo smartphone, il Light Phone funziona come un normale telefonino GSM: proprio come quello, molto più economico, del centro commerciale, che però può essere utilizzato anche sulle reti 3G/4G.

Grande come una carta di credito (ma meno sottile), il Light Phone non ha nemmeno una rubrica interna: al massimo si possono associare 10 numeri di telefono ai tasti numerici: se si vuole davvero staccare dai contatti superflui, sono più che sufficienti. I primi 1800 esemplari del dispositivo, assicura la società, saranno consegnati entro questo mese ai primi sostenitori della campagna su Kickstarter, con cinque mesi di ritardo rispetto alle previsioni iniziali, dovuti – spiegano i responsabili del progetto – a difficoltà tecniche nella connessione all’iPhone legate ad alcune restrizioni della piattaforma iOS. Problemi del tutto sconosciuti al telefonino “basico” del centro commerciale.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE