Le strategie per avere successo nelle vendite online di Natale (secondo Google)

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 23 Novembre 16 Autore: Stefano Fossati
Stando ai dati dell’Osservatorio del Politecnico di Milano, nel 2015 in Italia il 22% degli acquisti online è avvenuto nel periodo invernale, con un aumento del 16% rispetto allo stesso periodo del 2014. Anche nel nostro Paese, ormai, il percorso di acquisto si è frammentato in diversi momenti, i dispositivi utilizzati aumentano e nuove “festività” e occasioni di vendita si sono aggiunte a quelle tradizionali, ad esempio importando la tradizione americana del “Black Friday”, fino a pochi anni fa sconosciuta dalle nostre parti.

Così, per la stagione degli acquisti natalizi, sulla base dell’analisi dei comportamenti dei consumatori Google ha realizzato una sorta di “guida” per indicare ai rivenditori le strategie di successo per sfruttare al meglio il periodo più caldo dell’anno sul fronte dello shopping sfruttando gli strumenti messi a disposizione dalla stessa Big G.

Le strategie per avere successo nelle vendite online di Natale (secondo Google) - immagine 1

1 - Giocare d’anticipo - Una campagna online di successo deve cominciare molto prima della data in cui le vendite raggiungono il culmine. Grazie agli strumenti del web il consumatore arriva già molto informato al momento della scelta e il tempo in cui prende la decisione finale è sempre più breve. Per prepararsi alla stagione natalizia, il 40% degli utenti comincia a pianificare gli acquisti già da prima di Halloween. Naturalmente Google non tralascia di segnalare che “AdWords è lo strumento più efficace per offrire annunci rilevanti basati sulle ricerche delle persone, nel momento in cui sono più disponibili a ricevere un consiglio”.

2 - Black Friday e Cyber Monday - Fino a non molto tempo fa, Black Friday e Cyber Monday erano fenomeni conosciuti solo negli Stati Uniti. Oggi non è più così. Lo dimostrano ad esempio le ricerche fatte su Google dagli utenti: in Italia nel 2015 le ricerche per “Black Friday” sono aumentate di 4 volte rispetto al 2014 e già oggi sono più alte del momento di picco del 2013. “Cyber Monday” invece ha visto un incremento del 138% anno su anno. Con Google Trends è possibile trovare tutte le ricerche in aumento nel proprio settore, così da pianificare una campagna sulle parole chiave più adeguate e localizzate per paese.

3 - Il catalogo di riferimento è lo smartphone - I dispositivi mobili sono sempre più utilizzati per informarsi, pianificare ed effettuare i propri acquisti. La search, gli annunci, siti mobile friendly e app sono fondamentali per creare un’esperienza coinvolgente e personalizzata, dal primo momento di ispirazione fino all’interno del negozio. Il 76% delle persone che fa una ricerca di prossimità da mobile ha visitato un punto vendita nello stesso giorno, mentre il 28% di queste ricerche si è trasformata in un acquisto. I consumatori connessi non fanno distinzione tra segnali online e offline, per cui è importante che i brand offrano un percorso coerente e ottimizzato su tutti i canali. Il nuovo strumento Test My Site permette di valutare la qualità del proprio sito anche in versione mobile, con una raccolta completa di consigli per migliorare l’esperienza su tutti i dispositivi.

4 - YouTube: una guida per tutti - Dai consigli fashion ai tutorial per nuove ricette culinarie, YouTube ha risposte per tutti i gusti e chi cerca idee per un regalo inatteso può trovare qui l’ispirazione vincente. Durante l’anno, il 45% degli utenti ha guardato almeno un video per orientarsi sulla scelta di un prodotto. YouTube si conferma quindi una vetrina di eccellenza per i brand, che possono stabilire una connessione autentica e di valore con i consumatori. I settori principalmente impattati da questo momento decisionale sono: prodotti tecnologici, beauty, retail, auto e viaggi. Inoltre, il 34% delle persone che usano YouTube ogni giorno parla abitualmente dei brand preferiti che vede in video.

5 – La stagione delle app - Le persone scaricano app ogni giorno. Che si tratti di trovare un modo per andare a un incontro, registrare un allenamento o aggiungere il costo di una spesa al budget settimanale, una cosa è chiara: le app sono ora parte integrante del nostro quotidiano e gli utenti consultano le loro applicazioni preferite per circa 30 ore al mese. Per i brand sono utili strumenti non solo per promuovere offerte speciali e altre iniziative, per esempio in store, ma sono anche un ottimo modo per fidelizzare i propri clienti in modo efficace e immediato. Grazie a Universal App Campaigns è possibile promuovere facilmente qualsiasi app Android o iOS sulle principali proprietà di Google, tra cui la Search, Google Play, YouTube e la Google Display Network.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE