La “vendetta” dei creatori di Vine: ora sfidano Periscope di Twitter

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 07 Novembre 16 Autore: Stefano Fossati
Twitter ha annunciato nei giorni scorsi la prossima “morte” di Vine, il servizio che consente di pubblicare online brevi video di sei secondi, ma il suo spirito continuerà in qualche modo a vivere in Hype, la nuova applicazione per la trasmissione di video in diretta creata da Rus Yusupov e Colin Kroll, fondatori proprio di Vine, insieme con Dom Hofmann.

A dire il vero, il compito che attende Hype è tutt’altro che facile: farsi strada accanto ad applicazioni simili come Periscope della stessa Twitter, Facebook Live e YouTube (e sempre che Instagram e Snapchat non decidano di buttarsi a loro volta nella mischia, come riportano alcune indiscrezioni). Una concorrenza tanto “pesante” che Meerkat, che per prima aveva lanciato questo tipo di servizio, non ha potuto far altro che gettare la spugna e uscire dal mercato. Ma i creatori di Hype puntano sulle peculiarità della loro app (disponibile al momento solo per iPhone), che rispetto alle altre offre strumenti pensati per estendere le possibilità narrative al di là della semplice trasmissione di quanto viene ripreso dalla videocamera dello smartphone dell’utente.

La “vendetta” dei creatori di Vine: ora sfidano Periscope di Twitter - immagine 1

Hype consente infatti di inserire nella diretta foto, videoclip, Gif, musica, emoji, sfondi e testi, in pratica offrendo la possibilità di realizzare piccoli “show televisivi” in diretta dal proprio smartphone. Gli spettatori possono ovviamente inviare commenti e anche partecipare a sondaggi per esprimere le loro opinioni sullo “spettacolo”. Gli stessi Yusupov e Kroll hanno presentato la loro nuova creatura con un video su Hype, utilizzando uno sfondo con i colori ufficiali della società e vari contributi multimediali per mostrare le potenzialità dell’applicazione: “Crediamo che si possa avere una migliore esperienza, che utilizzi tutte le capacità dei telefoni per aggiungere effetti e contenuti all’interno delle trasmissioni in diretta”, hanno spiegato.

Gli sviluppatori hanno anche mostrato alcuni esempi di videostreaming realizzati con Hype durante la fase di test: un programma di news, uno sui videogiochi e uno show notturno che coinvolge gli spettatori in maniera interattiva proponendo alcuni dei video più strani che si possono trovare nei meandri della Rete. Contenuti che mettono in risalto le interessanti funzionalità offerte dall’applicazione, che tuttavia potrebbero non bastare a garantire a Hype uno “spazio vitale” in un settore dominato da colossi del calibro di Facebook, Google e Twitter che – come più volte accaduto in passato di fronte all’emergere di nuovi servizi concorrenti – potrebbero a loro volta integrare funzioni simili nelle loro piattaforme.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE