Google schiera l'intelligenza artificiale contro troll e insulti in rete

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 24 Febbraio 17 Autore: Stefano Fossati
Accanto alla battaglia contro le false notizie, Google annuncia lotta dura a linguaggio violento, insulti e troll grazie all´intelligenza artificiale. Il colosso di Mountain View ha infatti messo a disposizione degli editori sul web, gratuitamente, la tecnologia Perspective, che permette di individuare i commenti violenti alle notizie pubblicate online, per il momento solo in lingua inglese.

Sviluppata da Jigsaw, l´incubatore di Google, Perspective sfrutta il machine learning per analizzare i commenti degli utenti, assegnando a ognuno un punteggio di "tossicità": saranno poi gli editori a decidere come utilizzare queste informazioni, ad esempio segnalando i commenti ai propri moderatori in modo che questi li rivedano e decidano se includerli o meno in una conversazione, oppure permettendo ai lettori di ordinare i commenti in base a quanto sono offensivi, mettendo così in evidenza le conversazioni interessanti rispetto a quelle offensive. Per imparare a identificare un linguaggio potenzialmente ingiurioso, Perspective ha esaminato decine di migliaia di commenti che sono stati classificati manualmente da revisori umani; ogni volta che il sistema trova nuovi esempi di commenti offensivi, o la sua valutazione viene corretta dagli utenti, migliora la capacità di valutare i commenti in futuro.

Google schiera l'intelligenza artificiale contro troll e insulti in rete - immagine 1

Odio ergo sum. Studio semiserio del fenomeno degli hater
Amazon.it: 12,67 € - Prezzo scontato, stai risparmiando: 2,23 €
Compra ora
Ancora in fase sperimentale, Perspective è stata già testata dal New York Times. "Mentre miglioriamo la tecnologia - spiega sul blog ufficiale di Google Jared Cohen, presidente di Jigsaw - stiamo anche lavorando per ampliarla. Il nostro primo modello è pensato per identificare il linguaggio offensivo, ma nel corso del prossimo anno ci piacerebbe avviare nuove collaborazioni per offrire modelli che funzionino anche in lingue diverse dall’inglese e che siano capaci di identificare commenti che siano attacchi personali oppure fuori tema".

Google non è l´unico colosso del web impegnato nel contrasto al linguaggio violento in rete: Twitter ha da poco annunciato un rafforzamento della lotta a troll e abusi, ad esempio rendendo più difficile l´iscrizione con nuovo profilo a utenti già sospesi.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: P2P e Web

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE