Google Maps ti avvertirà delle difficoltà di parcheggio nel luogo di destinazione

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 27 Gennaio 17 Autore: Stefano Fossati
All’inizio erano delle semplici “cartine” stradali in versione elettronica e geolocalizzata, arricchite giusto da qualche “punto di interesse” e dalla navigazione GPS. Poi sono arrivati la vista satellitare e una serie sempre più lunga di servizi che oggi rendono le mappe digitali uno strumento utile in ogni momento della vita quotidiana, ad esempio per trovare un fabbro o un ristorante in zona o per sapere quando passerà il prossimo mezzo pubblico alla fermata più vicina.

In prima linea nell’offerta di servizi ci sono ovviamente le “Maps” per eccellenza, quelle di Google, che dopo avere introdotto recentemente le segnalazioni sull’affollamento di locali e altri luoghi pubblici, ora lancia in alcune città degli Stati Uniti un’altra funzionalità che potrebbe risultare utilissima, in questo caso, agli automobilisti: l’avviso sulla possibilità di trovare parcheggio nel luogo di destinazione, visualizzata nella barra di navigazione nella parte bassa dello schermo con un’icona (una P bianca in un cerchio rosso) accompagnata dalla segnalazione “facile”, “medio” o “limitato”. Un’informazione che potrebbe essere determinante nella decisione sul mezzo da utilizzare o su dove cercare un posteggio libero senza girare a vuoto.

Google Maps ti avvertirà delle difficoltà di parcheggio nel luogo di destinazione - immagine 1

La nuova funzionalità è disponibile solo per la versione Android dell’app Google Maps e “per ora” soltanto in 25 metropoli statunitensi fra cui New York, San Francisco, Washington e Los Angeles. Come nel caso delle informazioni sull’affollamento di locali e negozi, anche le previsioni sulle possibilità di parcheggio nelle varie zone cittadine si basano sui dati raccolti da Google sulla localizzazione dei suoi utenti; in questo caso, però, le segnalazioni fanno riferimento esclusivamente a dati statistici e non offrono un dato in tempo reale.

Visto quanto avvenuto in passato per altri servizi introdotti da Big G nelle sue mappe (come gli orari dei trasporti pubblici), è pressoché certo che lo strumento di “allarme parcheggio” sarà in futuro reso gradualmente disponibile in altre città, anche al di fuori degli Stati Uniti. Sono molti gli automobilisti che potrebbero apprezzarla anche a Milano, Roma o Napoli…

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE