Google, l'intelligenza artificiale ha imparato a comunicare "di nascosto" dall'uomo

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 20 Agosto 17 Autore: Stefano Fossati
Dopo avere imparato a realizzare opere d´arte, l’intelligenza artificiale di Google è ora in grado di prodursi in una funzionalità più complessa e probabilmente più utile: la crittografia dei dati. La tecnologia di autoapprendimento di Google Brain, il progetto di intelligenza artificiale sul modello delle reti neurali ("deep learning"), è infatti riuscita a applicare tecniche di cifratura ai messaggi inviati e ricevuti in rete.

Lo spiegano gli stessi responsabili del progetto in uno studio pubblicato su arXiv e riportato da New Scientist, che dimostra come le "reti neurali" - sistemi informatici sviluppati sul modello di funzionamento dei neuroni del cervello umano – siano in grado di utilizzare una tecnica semplice per criptare le informazioni, anche senza avere ricevuto algoritmi specifici per questo scopo.

Google, l'intelligenza artificiale ha imparato a comunicare "di nascosto" dall'uomo - immagine 1

Gli scienziati hanno condotto esperimenti su tre reti chiamate Alice, Bob ed Eve, ognuna delle quali era stata programmata per svolgere uno specifico compito nella comunicazione: la prima doveva inviare un messaggio segreto a Bob, quest’ultima doveva decodificare il messaggio mentre Eve avrebbe dovuto intercettarlo. Durante il test, Alice e Bob hanno iniziato a scambiarsi messaggi utilizzando una chiave di cifratura che è risultata inaccessibile a Eve. La capacità di cifratura e decrittazione dei messaggi è andata crescendo nel tempo: dopo 15mila tentativi, in cui Alice ha continuamente affinato la sua tecnica di criptaggio, Bob è riuscito a convertire il messaggio cifrato nel testo originario, mentre Eve è riuscita a decrittare solo 8 dei 16 bit che lo componevano.

I ricercatori specificano che, al momento, la cifratura sviluppata da queste reti neurali non è paragonabile nemmeno lontanamente ai sofisticati sistemi basati su algoritmi realizzati dall´uomo, tuttavia si tratta siamo ancora soltanto nelle fasi iniziali dell’applicazione dell’intelligenza artificiale alla crittografia delle comunicazioni, prefigurando nuovi ambiti di applicazione per queste tecnologie che, secondo le stime della società di analisi IDC, fra quattro anni genereranno a livello globale un business di oltre 47 miliardi di dollari, contro i quasi otto miliardi attesi per il 2016.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE