Facebook vola verso i 2 miliardi di utenti. Ma dovrà risarcire 500 milioni di dollari a Zenimax

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 02 Febbraio 17 Autore: Stefano Fossati
Il business di Facebook viaggia a gonfie vele: nel quarto trimestre il social network più popolare al mondo ha ha visto crescere i ricavi del 51% a 8,81 miliardi di dollari, ben al di sopra delle attese di Wall Street. A correre, come sempre negli ultimi quattro anni, sono state soprattutto le entrate pubblictarie generate dai dispositivi mobili, che confermano Facebook al secondo posto nella raccolta pubblicitaria per il mobile alle spalle di Google.

Gli utenti, al 31 dicembre 2016, hanno superato quota 1,86 miliardi, il 17% in più rispetto allo stesso periodo dell´anno precedente, di cui 1,23 miliardi che accedono quotidianamente dal pc e 1,74 miliardi dal dispositivo mobile. "La nostra missione di connettere il mondo è adesso più importante che mai - spiega il CEO Mark Zuckerberg - e abbiamo ancora molto lavoro da fare per unire la gente".

Facebook vola verso i 2 miliardi di utenti. Ma dovrà risarcire 500 milioni di dollari a Zenimax - immagine 1
Unica nota (parzialmente) negativa della giornata arriva dal procedimento giudiziario che ha visto Zenimax Media opposta a Oculus VR, la società - acquisita da Facebook nel 2014 - che sviluppa e produce hardware per la realtà virtuale. Il tribunale ha stabilito che quest´ultima dovrà pagare pagare 500 milioni di dollari di risarcimento a Zenimax, in quanto il cofondatore di Oculus Palmer Luckey non avrebbe rispettato un accordo di non riservatezza, tuttavia ha escluso che la società abbia rubato tecnologie di proprietà di Zenimax, che chiedeva per questo un risarcimento di 4 miliardi di dollari.

La questione ruota attorno alla figura di John Carmack, mitico sviluppatore di giochi come Doom e Quake ed ex CTO di Oculus: il tribunale ha infatti appurato che la sua collaborazione con Luckey era iniziata nell´agosto del 2013, quando era ancora dipendente di Id Software, società controllata da Zenimax che Carmack avrebbe lasciato solo nel novembre dello stesso anno. In ogni caso, stando alla sentenza non vi è stata alcuna violazione della proprietà intellettuale di Zenimax da parte di Oculus, che ha accolto con soddisfazione il verdetto pur annunciando che ricorrerà in appello contro l´ordine di risarcimento.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE