Facebook allunga la vita

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 01 Novembre 16 Autore: Stefano Fossati
“Una telefonata allunga la vita”, recitava molti anni fa lo slogan di uno spot pubblicitario dell’allora monopolista delle telecomunicazioni. E oggi che le comunicazioni si sono in gran parte spostate dal telefono ai social network, questa “capacità” sarebbe stata ereditata da Facebook: uno studio d’oltreoceano dimostra infatti che le persone che utilizzano i social attivamente hanno il 12% di probabilità in meno di morire entro l’anno rispetto ai soggetti “non social”.

Stando alla ricerca, condotta su 12 milioni di californiani dall´università della California di San Diego e pubblicata sulla rivista dell´Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas), le persone che coltivano molti legami sociali, anche se online, vivono più a lungo. Non si tratta del resto di una novità assoluta: da decenni è noto che il fatto di avere reti sociali forti, rimanendo in contatto nel tempo con numerose presone, è strettamente legato a un´aspettativa di vita più lunga, tuttavia fino a oggi questo dato non era stato collegato scientificamente anche alle amicizie online.

Facebook allunga la vita - immagine 1

Incrociando i dati Facebook degli utenti californiani con quelli dei registri dei decessi, i ricercatori hanno verificato per la prima volta che il principio è applicabile anche al mondo dei social media. Dall’analisi dei dati su uomini e donne nati tra il 1945 e 1989 emerge che in un anno gli utenti medi di Facebook con età simile hanno circa il 12% di probabilità in meno di morire entro l´anno in confronto a chi non utilizza i social. All´interno della comunità online, ad avere un´aspettativa di vita più lunga sono gli utenti più attivi, soprattutto se hanno anche un elevato livello di integrazione sociale nella vita reale (un parametro testimoniato dalla presenza delle persone in un maggior numero di foto e dalla loro partecipazione a eventi).

"L´associazione tra longevità e reti sociali è stata identificata nel 1979 da Lisa Berkman e da allora è stata confermata centinaia di volte", spiega James Fowler, uno degli autori dello studio. "Le relazioni sociali - aggiunge - sembrano essere un dato predittivo sull´aspettativa di vita al pari del fumo e più preciso di quanto non lo siano l´obesità e la mancanza di attività fisica. Quello che stiamo aggiungendo noi è che anche le relazioni online sono associate alla longevità".

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE