Esplosioni del Galaxy Note 7, arriva la versione ufficiale di Samsung

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 03 Gennaio 17 Autore: Stefano Fossati
Samsung rivelerà questo mese le cause “ufficiali” dei surriscaldamenti e delle esplosioni del Galaxy Note 7. Lo riporta il quotidiano sudcoreano JoongAng Ilbo, che non fornisce tuttavia alcuna anticipazione su quanto annuncerà il colosso di Seul. Dopo il ritiro dal mercato di quello che avrebbe dovuto essere il suo smartphone di punta per la fine del 2016 (stagione importantissima per le vendite, comprendendo il periodo natalizio), la stessa Samsung aveva promesso che avrebbe reso pubbliche le cause che hanno determinato le esplosioni di alcune decine di esemplari venduti in diversi Paesi fra lo scorso agosto e settembre; tuttavia, secondo indiscrezioni di stampa, le ricerche degli ingegneri del gruppo si sarebbero rivelate più complesse del previsto, data la difficoltà nel replicare il problema in laboratorio.

Esplosioni del Galaxy Note 7, arriva la versione ufficiale di Samsung - immagine 1

A inizio settembre, dopo le segnalazioni dei primi casi di esplosione, l’azienda aveva identificato il difetto nella batteria del dispositivo, prodotta da una divisione della stessa Samsung, e aveva richiamato tutti i Galaxy Note 7 venduti fino a quel momento per sostituirli con un nuovo esemplare dotato di una diversa batteria fornita da un’azienda esterna. Nelle settimane successive, ulteriori segnalazioni di esplosioni di dispositivi con la nuova batteria determinarono la decisione da parte della società, a inizio ottobre, di cessare definitivamente la produzione del “super phablet” e di ritirare tutti gli esemplari in circolazione, offrendo ai loro possessori il rimborso integrale del prezzo pagato o la sostituzione con un altro modello di smartphone (in molti casi la scelta è ricaduta su un Galaxy S7 Edge). Secondo il “warning” emesso dalla stessa casa, il passo falso del Galaxy Note 7 ha inciso per 5,1 miliardi di dollari sui profitti operativi della divisione smartphone di Samsung.

In questi mesi i media hanno riportato diverse ipotesi, più o meno verosimili, sulle possibili cause delle esplosioni, ma nessuna ha mai trovato conferme ufficiali. Fra le più attendibili, quella formulata da Instrumental, società statunitense di engineering che, dopo avere analizzato minuziosamente tutte le componenti del Galaxy Note 7, è giunta alla conclusione che Samsung abbia ridotto eccessivamente spessori e tolleranze interne della batteria allo scopo di contenere il più possibile le dimensioni dello smartphone. Nelle prossime settimane, a quanto sembra, avremo finalmente la versione ufficiale basata sulle ricerche del produttore.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE