Ecco perché i videogiochi hanno tempi di caricamento ancora lunghi

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 20 Agosto 17 Autore: Matteo Tontini
I videogiochi sembrano migliorare di anno in anno. Soltanto negli ultimi mesi abbiamo assistito a titoli fantastici dal punto di vista tecnico, come Horizon: Zero Dawn, Breath of the Wild e Injustice 2. Ma sebbene la grafica continui a diventare sempre più bella e realistica, i tempi di caricamento non sembrano accorciarsi. Anzi, in alcuni casi sono così lunghi che c´è bisogno di una patch post-release per cercare di ridurli. Alcuni programmatori avrebbero di recente spiegato che nonostante i giochi siano in grado di garantire sempre più elementi sullo schermo, l´hardware che raccoglie e carica tali elementi non progredisce allo stesso ritmo. William Armstrong, che ha lavorato a prodotti come BioShock 2 e Firewatch, avrebbe dichiarato a Kotaku: "L´incremento delle performance della GPU e della CPU ha di gran lunga superato quello della velocità del disco rigido. I dischi rigidi sono limitati dalle leggi della fisica- ha inoltre affermato- perché il processo di lettura/scrittura dei dati ha che fare con la conversione tra gli elettroni puri e qualche tipo di apparato fisico".
Certo, i dischi rigidi possono caricare gli elementi più velocemente di quanto avessero fatto decenni fa, e le macchine da gioco moderne hanno una memoria di gran lunga maggiore rispetto a quelle delle generazioni precedenti, ma in soldoni il miglioramento non è paragonabile a quello della GPU e della CPU.

Ecco perché i videogiochi hanno tempi di caricamento ancora lunghi - immagine 1

Oltretutto, va considerata anche la mole di dati che vengono installati. Armstrong avrebbe a tal proposito riferito: "Aumentando le dimensioni di un gioco, aumenta la quantità di istallazione necessaria, che va creare un insieme di dati sul disco; roba come l´inizializzazione del comportamento dell´intelligenza artificiale, l´impostazione delle dinamiche fisiche, eccetera". Data dunque questa discrepanza nel progresso tra la dimensione dei dati e la velocità dei dischi rigidi, in realtà è fantastico che i tempi di caricamento non siano aumentati drasticamente nel corso degli anni. Questo perché gli sviluppatori hanno creato diverse tecniche per nasconderli o minimizzarli. Le schermate di caricamento, secondo quanto dichiarato da Robert Dieterich - programmatore che ha lavorato a giochi come Elite Beat Agents e Lips - di solito non avvengono dove comincia il caricamento vero e proprio: quelli che noi vediamo non sono altro che una serie di processi di fondo che iniziano molto prima.

Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Videogames

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE