DoNotPay, l'avvocato robot contro Trump

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 15 Marzo 17 Autore: Stefano Fossati
In quella parte di America che si schiera contro il presidente Donald Trump e i suoi bandi anti-immigrati emerge anche un’app. DoNotPay è un servizio dedicato fino a ieri a chi voleva contestare una multa: ora offre agli immigrati un nuovo servizio di assistenza legale automatizzato, per velocizzare le richieste di asilo e renderle accessibili anche a chi non parla inglese.

Creata da Joshua Browder, oggi ventenne ma ancora un ragazzino all´epoca del lancio, DoNotPay è stata utilizzata negli ultimi due anni dai cittadini americani e britannici per contestare più di 160mila multe, aiutandoli a risparmiare oltre 2 milioni di dollari. Il servizio funziona in maniera semplicissima: basta scegliere da una lista le circostanze della multa e le ragioni dell’opposizione per ricevere in una chat automatizzata una consulenza legale gratuita per redigere la propria lettera di contestazione.

DoNotPay, l'avvocato robot contro Trump - immagine 1

Volevo fare l´avvocato. La dura vita del principe del foro
Amazon.it: 12,75 € - Prezzo scontato, stai risparmiando: 2,25 €
Compra ora
Ora lo stesso sistema può essere utilizzato gratuitamente anche per fare richiesta di asilo negli Stati Uniti, in Canada e nel Regno Unito. Per realizzare la nuova funzione, Bowder ha lavorato con immigrati che hanno ottenuto una risposta positiva alla propria richiesta di asilo e con avvocati specializzati in diritto dell´immigrazione nei tre Paesi. "Ci sono voluti mesi e mesi di lavoro, ma volevamo essere sicuri di fare tutto correttamente", ha raccontato al Guardian Bowder, che aveva iniziato a lavorare al progetto lo scorso anno, prima della vittoria di Trump alle elezioni, aggiungendo che l´opportunità di avvalersi di una consulenza legale tempestiva e gratuita è oggi più importante che mai: "Ho aggiunto il Canada all´ultimo minuto a seguito dei cambiamenti nella politica americana".

Anche in questo caso, il servizio funziona rivolgendo agli utenti una serie di domande per stabilire quale applicazione sia più adatta e l´idoneità alla richiesta di asilo secondo le leggi internazionali, il tutto in un inglese “basico” e non burocratico (ma è in preparazione anche la versione in lingua araba). Una volta inviata la domanda, tutti i dati dell´utente vengono automaticamente cancellati dalla chat.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE