Come è fatto un drone? Le principali componenti

Naviga SWZ: Home Page » How To
News del 02 Agosto 17 Autore: Fabio Ferraro
Abbiamo già scritto  della storia e dell´evoluzione dei droni e le diverse tipologie che li distinguono,  oggi andremo a conoscerne le componentistiche.

TELAIO

Come è fatto un drone? Le principali componenti - immagine 1

Il telaio è la struttura portante. Secondo l’uso del nostro drone potremo optare fra un telaio piccolo, per giocare o uno grande, per un utilizzo professionale.  Per indicare la dimensione di un telaio, va calcolata la distanza fra i motori più distanti (ossia l’interasse, espresso in mm). Esistono telai di diversi materiali, tra cui la plastica per droni più piccoli o la fibra di carbonio.  Il telaio è costituito da una piastra centrale, a cui saranno fissati alcune componenti e i bracci dove vengono montati i motori.

MOTORI

Come è fatto un drone? Le principali componenti - immagine 2

Un drone sfrutta la potenza di motori elettrici in grado di trasformare energia elettrica in meccanica. Generalmente, vengono utilizzati motori brushless (ossia, senza spazzole),  in grado di produrre molta coppia motrice. L’efficienza di un motore è indicata in KV (giri per volt), ossia, il numero di giri in grado di compiere in un minuto con un volt.

ESC

Come è fatto un drone? Le principali componenti - immagine 3

L’ESC (Electronic Speed Controll) è un componente essenziale per il drone, è un circuito elettrico che ha il compito di indicare al motore la velocità e la direzione che dovrà tenere. Svolge inoltre la funzione di freno dinamico.  È qundi in grado di ridistribuire la corrente proveniente dalla batteria al motore.

ELICHE

Come è fatto un drone? Le principali componenti - immagine 4

Le eliche sono montate sui motori, hanno in genere due o tre pale e possono essere di diversi materiali (plastica, nylon, fibra di carbonio).  Per l’elica, si deve tener conto di due parametri: il diametro del cerchio che crea girando, e il passo, ossia la quantità di aria che l’elica è in grado di “avvitare”.
 
Come è fatto un drone? Le principali componenti - immagine 6

Per i droni, in genere vengono utilizzate batterie LiPo con celle dalla tensione nominale di 3.7 V. La corrente viene indicata in mAh. Informazioni importanti per una batteria sono la capacità di scarica (ossia la massima intensità di corrente che la batteria è in grado di erogare senza rovinarsi) e la capacità di carica (cioè, la quantità di corrente con cui si può caricare la batteria senza danneggiarla). Le batterie vengono ricaricate con caricabatteria dedicati.

FLIGHT CONTROL

Come è fatto un drone? Le principali componenti - immagine 7

Scheda madre che è incaricata di occuparsi di tutte le procedure di volo. È composta da una CPU collegata a sensori inerziali (accelerometro, giroscopio, barometro, bussola).
I sensori hanno il compito di correggere e controllare il volo.

SISTEMA DI CONTROLLO RADIO

Come è fatto un drone? Le principali componenti - immagine 8

Per controllare il volo si utilizza un telecomando che comunica, utilizzando la frequenza 2.4 GHz, con un ricevitore installato all’interno del drone.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE