Cancellato da Google lo smartphone modulare Project Ara rivive in casa Facebook?

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 07 Novembre 16 Autore: Stefano Fossati
Lo sviluppo dello smartphone modulare Project Ara, cancellato da Google, rivive in casa Facebook? Al momento si tratta solo di supposizioni, sta di fatto però che Rafa Camargo, Richard Wooldbridge e Blaise Bertrand, che a Mountain View erano responsabili del progetto prima che dai piani alti giungesse improvvisamente l’ordine di sbaraccare tutto, ora lavorano a Building 8, una nuova divisione proprio di Menlo Park il cui lavoro e protetto dal più rigoroso "top secret".

Cancellato da Google lo smartphone modulare Project Ara rivive in casa Facebook? - immagine 1

Ad affiancarli – riporta Cnet – un numero impressionante di ingegneri, designer e responsabili di produzione provenienti da aziende come Motorola, Apple, Amazon e Tesla. E se alla costituzione di questo “superteam” aggiungiamo il fatto che Facebook sta acquisendo Nascent Objects, una startup specializzata in strumenti per accelerare la realizzazione di prototipi hardware, tutti i segnali puntano in una direzione: il gruppo di Mark Zuckerberg starebbe (di nuovo) realizzando un proprio smartphone. Magari modulare, appunto, riprendendo il discorso interrotto da Google proprio quando sembrava ormai imminente la presentazione del prodotto finale, dopo che fra il 2015 e la prima metà di quest’anno erano stati mostrati diversi prototipi.

Facebook, è noto, accarezza da anni il sogno di giocare un ruolo da protagonista nel mercato degli smartphone, sogno infrantosi contro il flop dei tentativi realizzati nel 2013: da Home, un launcher per Android incentrato sui vari servizi del social network che ben pochi utenti adottarono sui propri dispositivi, fino all’HTC First, il “Facebook phone” basato proprio sull’interfaccia Home e realizzato in collaborazione con la casa taiwanese, snobbato dai consumatori al punto da costringere AT&T (che lo commercializzava in esclusiva negli USA) a svenderlo a 99 centesimi (dal prezzo iniziale di 99 dollari) già poche settimane dopo il lancio.

Ufficialmente Building 8 – alla cui guida è stata chiamata Regina Dugan, ex responsabile della DARPA, l’unità di ricerca del Dipartimento della Difesa statunitense, e del laboratorio di ricerche avanzate di Google – sarebbe dedicata alla realizzazione di prototipi di nuovi dispositivi hardware progettati da Facebook e alla pianificazione di una loro eventuale industrializzazione, di solito attraverso partnership con produttori esterni. Ora gli ultimi ingressi nella divisione lasciano pensare che Facebook, nell’ambito dei suoi progetti hardware – sia tornata ad accarezzare l’idea di realizzare uno smartphone, questa volta innovativo – a differenza dell’HTC First – recuperando “pezzi” di Project Ara.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE