Apple ammette: il Mac Pro è stato un errore

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 13 Maggio 17 Autore: Stefano Fossati
Il Mac Pro? Un progetto sbagliato a causa degli errori di valutazione di Apple sull’evoluzione del mercato. Lo ha ammesso la stessa casa di Cupertino, annunciando un leggero aggiornamento della sua linea di Mac top di gamma, il primo da quando fu lanciata nell’ormai lontano dicembre 2013: l’azienda ha infatti aggiunto che non potrà sostituire gli attuali Mac Pro con un modello totalmente nuovo almeno fino al prossimo anno.

L’attuale design dei Mac Pro, che fecero discutere per la caratteristica forma cilindrica simile a quella di un cestino della spazzatura, non consente infatti di aggiornarne in maniera sostanziale le caratteristiche hardware. Il problema – ha spiegato John Ternus, responsabile dell’hardware di Apple – sta nelle errate previsioni dell’azienda sull’evoluzione della tecnologia dei chip grafici: quando venne progettata l’attuale generazione dei Mac Pro, infatti, gli ingegneri di Apple si aspettavano una diffusione generalizzata delle unità di elaborazione grafica (GPU) multiple nei computer dedicati alla gestione di progetti complessi. Il Mac Pro fu quindi pensato per utilizzare due GPU in parallelo; peccato però che il mercato abbia seguito la tendenza opposta, con i produttori di chip che si sono concentrati sullo sviluppo di singole GPU sempre più potenti, che sviluppano quindi maggiore calore e richiedono sistemi di dissipazione più complessi.

Apple ammette: il Mac Pro è stato un errore - immagine 1

Ed è proprio qui il limite dei Mac Pro del 2013 che, al posto dei numerosi dissipatori di calore e delle ventole presenti nei precedenti modelli, adottano una sola piastra di alluminio triangolare per dissipare il calore prodotto dai processori. Sicuramente risultano molto silenziosi, però non sono in grado di gestire le “bollenti” GPU di nuova generazione.

Apple si è vista così costretta a ripartire praticamente da zero nella progettazione della prossima generazione di Mac Pro, con conseguente allungamento dei tempi (e aggravio dei costi). Nell’attesa, l’aggiornamento appena annunciato si limita quasi esclusivamente all’adozione di CPU e GPU di produzione più recente e quindi più potenti: resterà deluso chi si attendeva almeno l’adozione di porte USB-C veloci Thunderbolt 3, ormai comuni sui più recenti MacBook. Facile prevedere nuove critiche da parte dei professionisti della grafica, che un tempo costituivano lo zoccolo duro della clientela Apple; gli stessi che, nei mesi scorsi, hanno accusato l’azienda di puntare apertamente al mercato consumer anche nei prodotti “hi end” come i nuovi MacBook Pro, concentrandosi più su gadget come la Touch Bar che sulle prestazioni grafiche richieste in ambito professionale.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Hardware

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate