Addio Yahoo!: a casa 2mila persone, ma Marissa intasca 23 milioni di dollari

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 14 Giugno 17 Autore: Stefano Fossati
Addio a Yahoo!, una delle prime grandi net company: Verizon ha completato l´acquisizione della società per 4,48 miliardi di dollari. Lo annuncia la stessa Yahoo! in una nota, in cui si ricorda che gli asset non acquistati da Verizon costituiranno la nuova azienda Altaba, registrata come società di investimenti. Da parte sua, Verizon farà confluire Yahoo! e i suoi servizi – come Yahoo! Mail, Yahoo! Finance, Yahoo! Sports e Tumblr - in Oath, una nuova controllata che raggruppa, fra gli altri, AOL e l’Huffington Post.

Addio Yahoo!: a casa 2mila persone, ma Marissa intasca 23 milioni di dollari - immagine 1

Al vertice di Oath va Tim Armstrong, ex numero uno di AOL, mentre il CEO di Yahoo! Marissa Mayer (foto sopra) si è dimessa con la chiusura dell´accordo, portando a casa una buonuscita di 23 milioni di dollari: non male, per una manager che ha fallito l’obiettivo di rilanciare il gruppo, da anni in crisi, fino a determinarne lo smembramento e la vendita. Senza contare i clamorosi attacchi informatici di cui il portale è stato vittima sotto la sua gestione.

"Stiamo costruendo il brand del futuro – annuncia Armstrong - utilizzando tecnologie potenti, contenuti attendibili e dati differenziati. Ora che l´accordo è chiuso, possiamo ambire ad essere la migliore società  di media consumer e il partner migliore per i nostri inserzionisti e per i nostri partner di contenuti”.

L’acquisizione non sarà comunque indolore dal punto di vista occupazionale: per ridurre le sovrapposizioni fra AOL e Yahoo! dovranno essere tagliati circa 2.100 posti di lavoro, pari al 15% della forza lavoro delle due società, sia nelle sedi in California sia in altri uffici al di fuori degli Stati Uniti.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE