Google Home, l’intelligenza artificiale che cambierà le nostre case. Ma non subito.

Naviga SWZ: Home Page » Articoli
Articolo del 08 Maggio 17 Autore: Stefano Fossati - 19954 letture
Categoria: hardware
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum
Dopo quelle per la conquista del mercato di computer e dispositivi mobili, la battaglia fra i colossi hi-tech si sposta ora sul terreno dell’intelligenza artificiale. Una battaglia che porterà notevoli sviluppi anche in ambito consumer, le cui prime “avvisaglie” sono già visibili sugli smartphone che usiamo tutti i giorni: gli assistenti vocali come Siri di Apple o Google Now, che equipaggiano rispettivamente gli iPhone e gli smartphone Android da qualche anno a questa parte (oltre a S-Voice dei dispositivi Samsung). Assistenti ancora “basici”, in quanto possono eseguire semplici comandi come avviare una telefonata, eseguire un’app o una ricerca su internet, scrivere o leggere un messaggio. Ma sul mercato si stanno affacciando le più evolute intelligenze in grado di interagire con l’essere umano in maniera più evoluta, sostenendo veri e propri dialoghi per rispondere in maniera sempre più precisa alle sue esigenze.

Fra i primi esempi c’è Google Assistant, che il colosso di Mountain View non ha integrato nel sistema operativo Android come Google Now ma ha riservato ai propri smartphone Pixel, ma i nuovi assistenti evoluti non sono destinati a equipaggiare solo gli smartphone: anzi, potrebbero in qualche modo decretarne la morte. Che bisogno avremo, infatti, di digitare comandi e leggere informazioni su un display, quando potremo chiederle a voce a un piccolo dispositivo nascosto in tasca, pronto a eseguire i nostri ordini?

Google Home, l’intelligenza artificiale che cambierà le nostre case. Ma non subito. - immagine 1
Il concetto è quello introdotto in ambito domestico, già lo scorso anno, da Amazon con Echo, un “altoparlante intelligente” da piazzare sul tavolo del salotto o sul comodino, in grado di “esaudire” le richieste dell’utente relative a notizie, informazioni meteo, ordini online e controllo dei dispositivi connessi presenti in casa. Il tutto grazie ad Alexa, l’assistente digitale interattivo del colosso dell’ecommerce. La risposta di Google si è fatta attendere un anno e si chiama Home: come Echo, questo dispositivo – basato sull’intelligenza artificiale di Google Assistant, la stessa dei Pixel - si propone come il centro interattivo della “smart home” e, come Echo, non è disponibile in Italia, (ma sta per sbarcare in UK). La curiosità per un dispositivo che promette di cambiare le nostre abitudini domestiche è tanta: così, passando in rassegna i media d’oltreoceano e i forum con le impressioni dei primi utenti che lo hanno comprato negli USA (dove è in vendita dal 4 novembre al prezzo di 129 dollari, 50 meno dell’Echo), ci siamo fatti una prima impressione di Google Home. Rendendoci conto che la rivoluzione è ancora solo agli inizi.



[  [1] 2  3     Successiva »   ]

Pagine Totali: 3

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate