Come sostituire Windows Media Center con Windows 10 e Kodi

Naviga SWZ: Home Page » Articoli
Articolo del 11 Aprile 16 Autore: Stefano Fossati
Categoria: windows
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum
Windows 10 sta gradualmente soppiantando i predecessori Windows 7 e 8.1 sui pc di tutto il mondo, complice il fatto che l’aggiornamento al nuovo sistema operativo è gratuito fino al prossimo luglio. La nuova versione del sistema operativo Microsoft propone sicuramente numerosi miglioramenti ed è destinata a incontrare il favore di gran parte dei consumatori, dopo l’infelice esperienza di Windows 8/8.1. Il problema principale, per alcuni utenti, sta nella decisione di Microsoft di non supportare più il Media Center che, da Windows XP in poi, consentiva di trasformare il computer in un vero centro multimediale per vedere film e programmi TV e per ascoltare musica, magari controllando il tutto con il telecomando anziché con la più scomoda tastiera.

Installando Windows 10 su un pc dotato di una precedente versione di Windows con Media Center, quest’ultimo sarà automaticamente rimosso e non sarà più possibile installarlo. Almeno ufficialmente: in Rete si trovano suggerimenti per far funzionare su Windows 10 il vecchio Windows Media Center, ma la mancanza di supporto da parte di Microsoft lo rende ormai obsoleto, senza contare che la stabilità del sistema potrebbe risentirne a causa della profonda integrazione del software con il sistema operativo.

La soluzione, se si vuole avere un pc multimediale basato sula più recente evoluzione di Windows, è quindi installare un media center di terze parti. I più completi, per di più open source e gratuiti, sono Media Portal e Kodi, entrambi integrabili con numerosi plug-in che consentono di estenderne le funzionalità in numerose direzioni. Tutto bene, quindi? Non proprio. Se con Windows Media Center bastava installare i driver dell’eventuale sintonizzatore TV e avviare la configurazione guidata per avere (salvo problemi) tutto funzionante in pochi minuti e pochi click, con i media center open source le cose non sono così semplici.

Come sostituire Windows Media Center con Windows 10 e Kodi - immagine 1
Kodi e la configurazione della tv sul pc - Dopo avere provato a installare sia Media Portal sia Kodi, sul nostro pc di prova abbiamo optato per quest’ultimo (già conosciuto con il nome XBMC), dopo avere (inutilmente) tentato per ore di fare funzionare il TV server necessario per vedere i programmi televisivi attraverso il sintonizzatore integrato nel computer. Kodi, di default, non include un TV server: dopo l’installazione si potranno vedere film e altri file video archiviati sul pc e anche ascoltare la musica presente sull’hard disk, ma niente TV. Bisogna quindi installare un “PVR” (Personal Video Recorder) esterno che sia supportato da Kodi. Fra i diversi PVR disponibili (ce ne sono sia gratuiti sia a pagamento) abbiamo scelto NPVR, l’unico fra quelli gratuiti (da quanto siamo riusciti a capire dopo una ricerca sul web) in grado di supportare anche sintonizzatori analogici (in Italia la tv analogica non esiste più ma volevamo salvaguardare il sintonizzatore radio FM). NPVR riconosce automaticamente gran parte dei sintonizzatori digitali se sono installati i giusti driver per Windows 10, ma per rilevare quelli analogici è necessario installare un ulteriore componente denominato SoftPVR e intervenire manualmente su alcuni file di configurazione: per trovare la procedura (in inglese) basta cercare su Google “Adding an analog device NPVR”. Non è complicato, se si ha una minima competenza informatica, ma non è alla portata di un utente inesperto.


[  [1] 2  3     Successiva »   ]

Pagine Totali: 3

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate