Uber sempre sulla cresta dei... guai!

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 31 Marzo 15 Autore: Pinter
Uber sempre sulla cresta dei... guai!
Uber sarebbe vittima di un attacco hacker: migliaia di account sono illecitamente in vendita sul dark web a pochi dollari l’uno.

Gli account di migliaia di utenti Uber potrebbero essere stati compromessi e sarebbero ora in vendita sul dark web, in mano a commercianti senza scrupoli. Almeno due fornitori distinti su alcuni marketplace del “web oscuro” starebbero offrendo i dati a chiunque sia disposto a pagare, almeno secondo quanto dichiarato da Motherboard. Una volta acquistati, gli account permettono di ordinare un passaggio su Uber sfruttando qualsiasi informazione di pagamento inclusa nell’archivio dell’utente. Inoltre è anche possibile sbirciare la cronologia di viaggio, gli indirizzi e-mail, i numeri di telefono, e le informazioni sulla posizione per la casa e per il lavoro con relativi indirizzi. Tutti dati sensibili e che possono essere usati anche per atti criminosi, ad esempio per accreditarsi presso altri servizi.

I venditori stanno vendendo gli account a prezzi che vanno da 1 a 5 dollari, prezzi irrisori che potrebbero però consentire a chi compra di viaggiare gratis, almeno finchè Uber, i legittimi proprietari dell’account o le società che gestiscono gli strumenti di pagamento di renderanno conto di ciò che sta succedendo. Uno dei due venditori ha dichiarato a Motherboard di aver già venduto circa 100 account.

“Abbiamo fatto alcune ricerche e non abbiamo trovato alcuna prova di una violazione – ha detto un portavoce Uber a The Verge – ogni tentativo di accesso fraudolento o la vendita di account è illegale e abbiamo comunicato alle autorità di questa eventualità. Questa è una buona occasione per ricordare alla gente di utilizzare nomi utente e password complesse e uniche ed evitare di riutilizzare le stesse credenziali su più siti e servizi.”

Al momento non è dato sapere in che modo gli account siano finiti nelle mani dei venditori fuorilegge, ma potrebbe essere avvenuto a causa di una falla ancora non scoperta nei sistemi di Uber. L’azienda sta comunque investigando sull’accaduto.

Sarà mica la vendetta di un tassista incollerito?
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: P2P e Web

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate