IPhone, la rivoluzione può attendere. Fino al 2017

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 17 Maggio 16 Autore: Stefano Fossati
Le indiscrezioni sul futuro iPhone 7 si susseguono di settimana in settimana, nonostante manchino presumibilmente circa quattro mesi alla presentazione (negli ultimi anni, Apple ha sempre lanciato il suo nuovo smartphone “flagship” nel mese di settembre), e ogni volta introducono nuovi elementi pronti a essere smentiti dall’indiscrezione successiva. Fra le ultime, tuttavia, ci sarebbe la conferma di una voce che si fa sempre più insistente negli ultimi tempi: la prossima generazione dell’iPhone non sarà la svolta che molti fan attendono, al pari degli stessi dirigenti di Cupertino alle prese con le deludenti performance (almeno rispetto alle attese) dell’attuale iPhone 6s.

Il futuro iPhone 7 (sempre che si chiami davvero così), infatti, dovrebbe riproporre più o meno la stessa scocca del predecessore, introducendo alcune novità non proprio rivoluzionarie come una doppia fotocamera posteriore (probabilmente solo nel più grande modello “Plus”), oltre naturalmente ai dovuti upgrade generazionali di processore e altre componenti. E la presa per il jack delle cuffie, almeno per stavolta, potrebbe rimanere al suo posto.

IPhone, la rivoluzione può attendere. Fino al 2017 - immagine 1

Sì, perché in realtà il modello del rinnovamento, quello che davvero segnerà un punto di rottura rispetto al passato, arriverà l’anno prossimo. Non a caso: il 2017 segnerà infatti il decennale dal lancio del primo iPhone e Apple avrebbe quindi deciso di celebrarlo degnamente con un modello completamente ridisegnato. Gli attuali rumors indicano che avrà un display “totale”, ovvero esteso a tutta la superficie anteriore del dispositivo, con conseguente scomparsa dei bordi e anche dello “storico” tasto home rotondo che ha caratterizzato invariabilmente tutti gli iPhone prodotti fino a oggi, le cui funzionalità (lettore di impronte digitali compreso) saranno integrate da gesture sullo schermo grazie anche al supporto del 3D Touch.

Lo schermo in questione, peraltro, dovrebbe essere prodotto da Samsung e basato sulla tecnologia AMOLED, la stessa dei Galaxy S della casa coreana. Una tecnologia che dovrebbe consentire una riduzione dei consumi, bilanciata tuttavia dall’aumento delle dimensioni del display stesso, tanto che non dovrebbero registrarsi grandi novità sul fronte della durata della batteria, stante l’ossessione di Apple di voler mantenere lo spessore del dispositivo il più contenuto possibile (diversamente da quanto ha fatto la stessa Samsung con il recente Galaxy S7). La presa per la cuffia, sull’iPhone del decennale, dovrebbe sparire davvero, sostituita da un secondo altoparlante.

Se queste voci dovessero essere confermate, dunque, il 2017 si preannuncia come l’anno delle grandi novità nel mercato degli smartphone, che dovrebbe vedere anche il debutto del tanto atteso dispositivo pieghevole di Samsung. In attesa del 5G che poterà ulteriori novità nel settore, ma di quello non si parlerà prima del 2020.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate