Windows 10, come salvare o esportare i Preferiti di Edge

Naviga SWZ: Home Page » How To
News del 03 Febbraio 16 Autore: Stefano Fossati
Con Windows 10, Microsoft ha mandato in pensione (o quasi) il suo storico browser Internet Explorer sostituendolo con il nuovo Edge: un programma di navigazione web decisamente più moderno e avanzato sul piano della usabilità e delle prestazioni, ma ancora “under development”. La casa di Redmond ha infatti rimandato a un prossimo aggiornamento (la release “Redstone” di Windows 10, in arrivo probabilmente la prossima primavera) il supporto alle estensioni e altri miglioramenti che dovrebbero colmare lacune a dir poco sconcertanti, come l’impossibilità di ordinare alfabeticamente i Preferiti con un solo click.

Fra le altre mancanze, spicca anche l’assenza di una funzionalità per l’esportazione e/o il backup degli stessi Preferiti. E’ infatti semplicissimo importare in Edge i “bookmark” da altri browser (o almeno da Internet Explorer e Chrome): basta cliccare sui tre puntini in alto a destra e cliccare su “Impostazioni”, quindi “Visualizza impostazioni Preferiti”, selezionare “Internet Explorer” e/o “Chrome” e infine cliccare su “Importa”. Ma non altrettanto facile è il contrario, vale a dire esportare i Preferiti di Edge verso Internet Explorer o Chrome, né salvare i Preferiti su una chiavetta o un altro supporto, ad esempio per poterli ripristinare dopo una formattazione dell’hard disk. A differenza di Internet Explorer, che li salva all’interno di una cartella ben identificabile, non è così facile localizzare dove Edge salva i Preferiti, soprattutto dopo il “November update” di Windows 10 (build 1511): l’attuale versione del browser li memorizza infatti in un database Extensible Storage Engine (ESE), non proprio intuitivo da “maneggiare”.

Windows 10, come salvare o esportare i Preferiti di Edge - immagine 1

In attesa che Microsoft introduca (forse) la funzione “Esporta i Preferiti” in uno dei prossimi aggiornamenti di Edge, la soluzione migliore al momento è rappresentata da una piccola applicazione indipendente chiamata “Export Edge”, che permette di esportare i Preferiti in un file html che a sua volta sarà poi facilmente importabile in qualsiasi altro browser. Una volta scaricato il file SetupEdgeExport.exe da http://www.emmet-gray.com/Articles/EdgeExport.html, basta installare l’applicazione sul pc, avviarla e indicare la cartella in cui si vuole salvare il file di backup (che naturalmente può essere anche su una chiavetta USB o una scheda microSD). Quindi, cliccando su “Export”, si otterrà il file “bookmark.htm” contenente i propri Preferiti. Volendo, è anche possibile cliccare su “View” per visualizzare la lista dei Preferiti di Edge prima di esportarli. Se si vorranno ripristinare gli stessi bookmark in Edge, magari su un altro computer o dopo una formattazione completa con conseguente reinstallazione di Windows 10, non sarà purtroppo possibile importare direttamente nel browser il file “bookmark.htm”, ma bisognerà farlo in Internet Explorer (comunque ancora presente in Windows 10, anche se un po’ “nascosto”) o in Chrome, per poi importare in Edge i Preferiti di questi browser seguendo la procedura già descritta.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE