Whatsapp condividerà i tuoi dati con Facebook e invierà messaggi pubblicitari

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 26 Agosto 16 Autore: Stefano Fossati
Whatsapp condividerà un maggior numero di dati personali dei suoi utenti con la casa madre Facebook e inizierà a consentire alle aziende di inviare messaggi agli iscritti al servizio. Lo ha comunicato la stessa società, che ha modificato per la prima volta la sua policy dall’acquisizione da parte di Facebook, nel 2014. In particolare, Whatsapp “passerà” i numeri di telefono degli utenti a Facebook, che potrà utilizzarli per fornire suggerimenti sugli amici e messaggi pubblicitari “più rilevanti”.

Whatsapp condividerà i tuoi dati con Facebook e invierà messaggi pubblicitari - immagine 1

Grazie a questi dati, infatti, Facebook potrà mettere in contatto persone che si sono scambiate i numeri di telefono ma non fanno parte delle rispettive liste di “amici” sul social network. Whatsapp condividerà inoltre informazioni su quando gli utenti hanno utilizzato il servizio per l’ultima volta, ma sottolinea che non fornirà in alcun modo i contenuti dei messaggi che, in quanto criptati, sono inaccessibili (almeno in teoria) alla stessa società. Secondo i responsabili di Facebook, questa condivisione di dati fra le due piattaforme permetterà anche di tenere più facilmente sotto controllo spamming e abusi.

Whatsapp ha comunque precisato che gli utenti possono negare il consenso alla condivisione dei loro dati con Facebook seguendo questa procedura: quando si riceverà il messaggio che comunica il cambiamento di termini e condizioni, non cliccare su “Accetto” ma seleziona “Leggi” per espandere il testo, sotto il quale si troverà una “check box” da selezionare per non consentire la comunicazione dei dati. Anche in questo caso, fa sapere la società, alcune informazioni saranno comunicate a Facebook in determinate circostanze.

Non solo: le nuove condizioni consentono l’uso di Whatsapp da parte delle aziende per le loro comunicazioni agli utenti, aprendo la piattaforma ai messaggi che possono solitamente essere inviati via sms: possono essere segnalazioni di servizio (ad esempio il remind di un volo di cui si è acquistato il biglietto o l’alert di pagamenti effettuati con la carta di credito), ma anche comunicazioni di marketing. Vedremo come Whatsapp utilizzerà questi nuovi strumenti e come reagiranno gli utenti, che in buona parte hanno decretato il successo di quest’app proprio per l’assenza di pubblicità.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE