Un nuovo decreto ingiuntivo basato su e-mail: i giudici vanno contra legem ?

Naviga SWZ: Home Page » Articoli
Articolo del 20 Dicembre 04 Autore: Andrea Lisi
È stato appena pubblicato un nuovo decreto ingiuntivo basato sulla sola produzione di e-mail (decreto emesso dal Giudice di Pace di Pesaro in data 2/11/2004 e acquisibile alla pagina http://www.scint.it/news_new.php?id=499). 

Il decreto non opposto è l’ultimo di una lunga serie di provvedimenti giudiziali che hanno legittimato la presenza del documento informatico, quale l’e-mail, come prova documentale scritta ai fini dell’ottenimento di un decreto ingiuntivo (si ricordano, tra gli altri, il decreto ingiuntivo emesso dal Tribunale di Cuneo, il decreto ingiuntivo emesso dal Tribunale di Bari, il decreto ingiuntivo emesso dal Tribunale di Mondovì e il decreto ingiuntivo emesso dal Tribunale di Lucca).L’emissione di tali decreti ingiuntivi ha messo in crisi parte della dottrina che sosteneva, in sintesi, che solo il documento informatico con firma digitale (o “avanzata”) poteva garantire sicurezza e affidabilità al documento informatico e, quindi, aveva ragione di esistere giuridicamente.Altra parte della dottrina, tra cui il sottoscritto, ha invece sostanzialmente legittimato tali provvedimenti ribadendo i principi tradizionali su cui si è sempre fondato il diritto civile e commerciale internazionale, secondo i quali anche a documenti “scritti” non sicuri e dotati di una qualche “paternità”, doveva comunque essere garantita un’esistenza giuridica, anche ai fini di rendere possibile una sopravvivenza a tutte le prassi generatesi nel commercio elettronico internazionale. Prassi basate su scambi di semplici e-mail e su “sottoscrizioni” point & click in aree riservate di siti web.Oggi sappiamo che è all’esame delle Commissioni competenti di Camera e Senato uno schema di decreto legislativo recante il Codice delle Amministrazioni Digitali, già approvato in via preliminare dal Governo in data 11 novembre 2004. 

Alcuni hanno applaudito con soddisfazione questa ennesima “nuova” normativa pensata per le P.A., ma applicabile - in molti dei suoi principi - anche ai rapporti tra privati. Secondo questi interpreti, finalmente il nuovo Codice segnerebbe la fine della possibile parificazione dell’e-mail alla “forma scritta”, grazie alla “provvidenziale” presenza nel Codice di un articolo, secondo il quale solo il documento informatico con firma digitale avrà valore di “forma scritta” (art. 17 comma secondo). Secondo altri, invece (e come già sottolineato in altri articoli) lo stesso Codice nel primo e nel secondo comma dell’art. 17, oltre a mettere in crisi molte delle contrattazioni che avvengono sul web, metterebbe in serio pericolo la stessa sopravvivenza del documento informatico, in quanto ivi con tranquillità si afferma che solo il documento informatico, conforme alle disposizioni del presente decreto ed alle regole tecniche di cui all´articolo 72, sarà valido e rilevante a tutti gli effetti di legge!In primo luogo occorre riferire che (per fortuna) lo schema di decreto legislativo recante il Codice ancora non è in vigore e, dunque, molte delle sue incongruenze si spera siano risolte prima di far entrare nel nostro ordinamento una nuova legge per certi aspetti inutile e paradossale (non sarebbe comunque né la prima né l’ultima!); conseguentemente, sotto l’attuale vigenza del T.U.D.A. (DPR 445/2000 come recentemente modificato) valgono tutte le considerazioni già ampiamente fatte in merito al valore formale dell’e-mail e di qualsiasi altro documento informatico, la cui paternità sia attribuibile ad un soggetto giuridico (e, quindi, in qualche modo sia da ritenersi “firmato”, anche se non “sottoscritto”). Si rimanda pertanto per un approfondimento ai numerosi articoli già pubblicati sull’argomento.In secondo luogo mi sia permesso di ricordare in estrema sintesi quale è il valore di un documento alla luce del diritto civile e dello stesso diritto commerciale internazionale (si sta parlando di principi fondamentali che derivano dalla tradizione e che nessuno si è mai sognato di mettere in discussione, se non alcune recenti normative pensate per le P.A. e che si vorrebbero imporre a tutti i rapporti privatistici): 1 – il "documento" è qualsiasi “cosa” destinata a rappresentare atti o fatti giuridicamente rilevanti;2 - "forma scritta" è la "registrazione durevole" della volontà di un soggetto su un qualsiasi supporto (anche informatico);3 - "scrittura privata" è una particolare tipologia di documento scritto dotato di sottoscrizione.

[  [1] 2     Successiva »   ]

Pagine Totali: 2

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter