Twitter, bloccati milioni di account violati: “Resettare la password”

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 13 Giugno 16 Autore: Stefano Fossati
Twitter ha bloccato l’accesso a numerosi account, chiedendo agli utenti di cambiare la password per ripristinarlo. La decisione è arrivata a seguito della notizia che 32 milioni di username e relative password di accesso al social network sono stati hackerati e messi in vendita sul dark web. Twitter sottolinea comunque che il furto delle credenziali non è dipeso da una falla nella sicurezza dei suoi server. “Stiamo indagando sulle voci di @names e password di Twitter disponibili sul dark web e siamo fiduciosi del fatto che le informazioni non siano state ottenute da un hack dei server di Twitter”, ha riferito Michael Coates, responsabile sicurezza della società.

Il manager ha ventilato la possibilità che le credenziali siano state ottenute dagli hacker combinando le informazioni ottenute attraverso altri attacchi ai server di MySpace, LinkedIn e Tumblr, che hanno subito anni fa il furto dei dati relativi a migliaia di account, finiti in vendita il mese scorso sul dark web. Oppure potrebbero essere state ricavate attraverso malware che hanno infettato i dispositivi degli utenti.

Twitter, bloccati milioni di account violati: “Resettare la password” - immagine 1

Coates ha aggiunto che, incrociando i dati di cui la società è venuta in possesso, sono stati bloccati gli account la cui password è risultata essere stata pubblicata, richiedendo ai proprietari di resettarla. La scorsa settimana un utente russo, identificatosi con il nickname Tessa88, aveva affermato su una chat criptata di essere venuto in possesso non prima del 2015 del database contenente indirizzi email, username e password relativi a 379 milioni di account di Twitter, mettendolo in vendita per 10 bitcoin, corrispondenti in quel momento a 5150 euro.

Il sito LakedSource, che è riuscito a ottenere la lista degli account di Twitter violati e ad analizzarla, dopo avere depennato i numerosi record duplicati ha fatto sapere che gli account “messi a nudo” nel database sono oltre 32 milioni. Anche secondo i responsabili di questo sito, specializzato in segnalazioni di violazioni nella sicurezza informatica, difficilmente questi dati sono stati rubati dai server del social network, accreditando la tesi che derivino da attacchi malware ai dispositivi degli utenti.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: P2P e Web

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE