Tesla, l’Autopilot accompagna in ospedale un automobilista colpito da malore

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 09 Agosto 16 Autore: Stefano Fossati
Il “famigerato” Autopilot delle vetture Tesla finisce di nuovo al centro delle cronache, ma questa volta in positivo: il sistema di guida assistita, recentemente finito più volte sotto accusa negli Stati Uniti per essere rimasto coinvolto in alcuni incidenti (uno dei quali mortale), questa volta avrebbe salvato la vita a una persona accompagnandola in ospedale dopo che era stata colpita da un malore. Joshua Neally, un avvocato di Springfield, Massachusetts, sostiene infatti di essere riuscito a raggiungere l’ospedale più velocemente che con un ambulanza grazie all’assistenza dell’Autopilot di cui è dotata la sua auto.

Tesla, l’Autopilot accompagna in ospedale un automobilista colpito da malore - immagine 1

L’uomo si trovava in autostrada alla guida della sua Tesla Model X quando ha iniziato a sentire forti dolori, associati a sporadiche perdite della vista e a difficoltà respiratorie. A quel punto, stando al racconto di Neally, avrebbe inserito l’Autopilot e si sarebbe diretto verso l’ospedale, con il sistema di guida assistita che lo avrebbe aiutato fino a quando l’uomo non si è sentito meglio ed è riuscito a riprendere il pieno controllo dell’auto. Grazie all’Autopilot, sostiene quindi l’avvocato, ha pertanto raggiunto il pronto soccorso in un tempo minore di quello che sarebbe servito se, al momento del malore, avesse deciso di accostare e chiamare un’ambulanza.

In ospedale, i medici gli hanno riscontrato un´embolia polmonare (ovvero il blocco di un’arteria) e gli hanno somministrato un fluidificante del sangue prima di mandarlo a casa. Una storia a lieto fine che non deve mettere in secondo piano le raccomandazioni di Tesla: l’Autopilot è pensato per assistere il conducente della vettura durante la guida e non per sostituirlo. Nel caso dei recenti incidenti, che hanno determinato la morte di una persona e il ferimento di altre due, il sistema tecnologico – secondo la casa – sarebbe stato utilizzato impropriamente lasciandogli il completo controllo dell’auto. E lo stesso Neally, con la sua decisione di affidarsi all’Autopilot durante il malore, ha probabilmente rischiato più di quanto avrebbe fatto se avesse chiamato un’ambulanza.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE