Bitcoin: cos´è e chi c´è dietro

Naviga SWZ: Home Page » Articoli
Articolo del 11 Gennaio 16 Autore: Jone Pierantonio
Categoria: windows
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Il mercato dei Bitcoin è un’oscillazione continua. La cripto valuta, da sei anni a questa parte ha conosciuto picchi di oltre 1200$, per poi cadere in picchiata sotto i 200$.

La moneta virtuale, è stata creata dal fantomatico Satoshi Nakamoto nel 2009, uomo – o donna? – anonimo che si è nascosto dietro questo pseudonimo per proteggere la sua identità. Questo anonimato lo ha fatto diventare, nel periodo del ‘boom’ dei BTC, uno dei personaggi più ricercati al mondo.

Bitcoin: cos´è e chi c´è dietro - immagine 1
La ricerca non ha sortito effetti e a tutt’oggi ancora ci si chiede chi sia questo inafferrabile inventore – o inventori?-. Tutto è lecito pensare, a questo punto. Ma vediamo un’analisi portata avanti da alcuni quottidiani esteri e no, come il DailyDot e l’Economist, sulla lunga strada fatta da questa moneta in bit.

Dopo la chiusura di Silk Road, mercato del DeepWeb in cui erano venduti illeciti di ogni genere e la condanna a vita del suo fondatore Ross Ulbricht, sembrava che la moneta virtuale cominciasse una discesa libera senza ritorno. Ma così non è stato e da più di una anno l’oscillazione virtuosa non si verifica e il valore della criptomoneta è ora 330$, il valore più alto da un anno a questa parte.

In Paesi in cui la sorveglianza è alta e i blocchi di rete sono restrittivi, i BTC sono una forma di ‘escape’ dai regimi. Prendiamo ad esempio il caso della Cina. La Repubblica Popolare Cinese è nota per l’elevato monitoraggio mediatico e il Great Firewall – sistema che blocca siti, quindi un vero e proprio muro nella rete cinese, controllato da router di confine – la fa da padrone.

Anche i controlli rigorosi da parte del Governo cinese sono alla base dell’uso massiccio della valuta virtuale. Le autorità difatti esaminano le spese che si fanno dei soldi, anche quando i cittadini sono in viaggio all’estero, questo per mantenere più soldi possibili in circolazione nello stato.

Così i giovani, gli amanti di internet e della privacy, cercano sempre nuovi modi per sfuggire il monitoraggio e il restringimento delle azioni mediatiche, da qui possiamo capire come la Cina sia uno dei mercati più fertili per i Bitcoin. Lo yuan cinese ora costituisce il 88% di tutte le transazioni Bitcoin, rispetto al 9% del dollaro USA. Il valore della moneta virtuale è spesso analizzato, come dimostra l’indagine compiuta sul forum della comunità BTC fatta già nel 2013. In esso sono visibili innumerevoli calcoli e passaggi fatti per arrivare a dare una soluzione della crescita e della decrescita del mercato.

[  [1] 2     Successiva »   ]

Pagine Totali: 2

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate