Stampa 3D, nasce la nuova generazione di “artigiani digitali”

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 05 Maggio 16 Autore: Stefano Fossati
Sembravano destinati a scomparire fra i ricordi dei tempi che furono, rievocati giusto dai racconti dei nonni e dalle manifestazioni di paese per la conservazione della memoria delle tradizioni locali. Invece le nuove tecnologie e in particolare la stampa 3D stanno favorendo la nascita di una nuova generazione di artigiani, persone e piccole aziende in grado di realizzare oggetti unici o in piccolissime serie per colmare le lacune dell’industria, ma anche per aiutare quest’ultima a sviluppare o migliorare i propri prodotti attraverso la messa a punto di prototipi in tempi e a costi decisamente inferiori rispetto alle tecniche tradizionali.

Certo, questi nuovi “artigiani digitali” non plasmano direttamente con le loro mani il legno, il metallo o il vetro: la loro abilità si esprime nel programmare e governare delle macchine computerizzate per ottenere il risultato desiderato partendo da un filamento di materiale plastico. E, sebbene le tecnologie per la stampa 3D abbiano costi sempre più contenuti, di certo queste macchine non sono alla portata di ogni tasca come lo sarebbero una pialla, un martello o un punteruolo.

Stampa 3D, nasce la nuova generazione di “artigiani digitali” - immagine 1

Proprio per offrire l’accesso a questi strumenti tecnologici Talent Garden Milano Calabiana, uno degli spazi di coworking più grandi d’Europa, ha realizzato con TheFabLab un laboratorio di fabbricazione digitale in cui piccole aziende e startup di prodotto possono passare dalla progettazione alla produzione materiale degli oggetti grazie a sofisticate macchine professionali e personale specializzato in design, ingegnerizzazione e produzione, in grado di progettare e creare prototipi ma soprattutto di realizzarli materialmente. Una “piccola fabbrica” condivisa dotata di robot industriali, stampanti 3D a resina e laser cutter di grandi dimensioni, forniti fra gli altri da partner come Comau, società del gruppo Fiat Chrysler specializzata in robot per l’industria, e Olivetti, che ha messo a disposizione le ultime tecnologie nel campo della stampa 3D. Con lo scopo, per usare le parole del cofondatore e presidente di TheFabLab Massimo Temporelli, di “connettere il mondo dell´innovazione digitale con quello della manifattura italiana, il mondo dei bit con quello degli atomi”.

Il laboratorio sarà fra l’altro anche un centro di ricerca, sviluppo e produzione di progetti legati all’Internet of Things, uno dei settori destinati a registrare i più alti tassi di crescita nei prossimi anni, come sensori e attuatori integrati in moto, automobili, arredamento ed elettrodomestici.

“Con questa inaugurazione continuiamo il nostro percorso di apertura verso il mondo dei makers”, spiega Davide Dattoli, presidente di Talent Garden; “Il progetto con TheFabLab unisce coworking e comaking, in un’ottica di condivisione delle competenze professionali e delle tecnologie di fabbricazione digitali all´avanguardia”.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE