Se Trump conquisterà la Casa Bianca, l’iPhone costerà 100 dollari in più

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 14 Giugno 16 Autore: Stefano Fossati
Donald Trump ha più volte lanciato il messaggio durante la campagna elettorale: se conquisterà la Casa Bianca, la sua strategia per rendere l’America “di nuovo grande” passerà anche dall’obbligare le aziende americane come Apple a costruire i loro prodotti negli Stati Uniti anziché in Cina o in altri Paesi in via di sviluppo. Al di là del dibattito sulla fattibilità di una simile ipotesi, resta da capire quali sarebbero i benefici in termini di crescita di posti di lavoro e quali invece gli svantaggi sul prezzo al pubblico dei prodotti.

Se Trump conquisterà la Casa Bianca, l’iPhone costerà 100 dollari in più - immagine 1

Il sito MIT Technology Review ha condotto un’analisi ipotizzando un iPhone prodotto negli Stati Uniti, scoprendo che Apple potrebbe dopo tutto fare profitti costruendo il suo prodotto di punta nella madrepatria senza aumentarne più di tanto il prezzo di listino. Jason Dedrick, professore della School of Information Studies all’Università di Syracuse, stima che il costo dell’assemblaggio aumenterebbe dagli attuali 10 dollari per dispositivi a circa 30-40 dollari.

A sorpresa, a incidere maggiormente non sarebbe il costo della manodopera, ma le spese necessarie per fare arrivare negli Usa i componenti realizzati da 766 fornitori in 28 Paesi. Il costo di un iPhone 6s aumenterebbe così dagli attuali 749 dollari a circa 779-789 dollari.

A fonte di questo esborso aggiuntivo richiesto ai consumatori, i benefici per i lavoratori americani sarebbero peraltro piuttosto limitati: l’assemblaggio finale del dispositivo impegna infatti solo una piccola parte dei 16 milioni di persone impiegate dai fornitori di Apple. D’altra parte, se la casa di Cupertino decidesse di realizzare negli Stati Uniti anche la componentistica necessaria per produrre l’iPhone, i costi aumenterebbero di altri 30-40 dollari, facendo quindi lievitare il prezzo finale dello smartphone complessivamente di circa 80-100 dollari.

Peraltro, notano gli analisti, sarebbe impossibile realizzare un iPhone davvero “100 per 100 americano”: intanto, non esistono miniere di bauxite negli Stati Uniti, quindi l’alluminio utilizzato per la scocca dovrebbe essere esclusivamente riciclato; inoltre, la Cina produce a livello mondiale l’85% dei materiali necessari per la fabbricazione di componenti fondamentali come magneti e transistori.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE