Notizia Precedente
Thunderbird 18 Beta 1
Notizia Successiva
Windows 8 Codecs 1.32

Sandwich olandese: Google e altri big Internet nel mirino del fisco europeo

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 29 Novembre 12 Autore: Gianplugged
Sandwich olandese: Google e altri big Internet nel mirino del fisco europeo
Tecnicamente si chiama sandwich olandese: consiste nel concedere un utilizzo di licenza a una società che ha sede in un paradiso fiscale e triangolare i ricavi tra questa, una controllata olandese e una terza società con sede in Irlanda. In questo modo si riescono a non versare le tasse nel Paese in cui effettivamente si opera e allo stesso tempo godere di bassa imposizione. Questa e altre tecniche simili sono molto diffuse tra le grandi aziende e i big della Rete non fanno certo eccezione.

In tempi di vacche magre però, il fisco dei Paesi europei ha cominciato a interessarsi a questo tipo di pratiche fiscali mettendo nel mirino anche società IT come Google, Facebook e Amazon. e in alcuni casi ha già avviato vere e proprie indagini. Il Fisco francese ha chiesto a Google 1.7 miliardi di euro di tasse eluse, in Inghilterra sono finite nel mirino Google e Amazon e anche in Germania il livello di attenzione si è notevolmente alzato.

In Italia, la prima società Internet di grandi dimensioni a essere attenzionata con un´indagine di rilievo è Google Italia, che secondo il Nucleo di polizia tributaria di Milano non avrebbe dichiarato redditi per 240 milioni di euro e avrebbe evaso 96 milioni di euro di IVA tra il 2002 e il 2006. L´indagine era già iniziata nel 2002, ma avrebbe subito un´accelerazione con una verifica fiscale messa in atto negli scorsi giorni, a cui ha fatto seguito un ulteriore controllo “extraprogramma“ per “il riscontro del corretto adempimento degli obblighi fiscali in Italia”.

La notizia delle recenti verifiche a Google Italia proviene dal Tesoro, che ha risposto a un´interrogazione del deputato Pd Stefano Graziano: ”Dal 2002 al 2006 il giro di affari realizzato in Italia sarebbe di circa 237 milioni di euro, a fronte di nessun euro versato in termini di imposte, né Ires, né Irap, né Iva” ha detto Graziani ”Google Ireland non presenterebbe dichiarazione dei redditi in Italia perché la filiale milanese farebbe solo assistenza (marketing services) per conto di quella irlandese”.

Il Ministero sottolinea l´elusione fiscale di Google Italia attraverso un contratto di servizio con società estere “artatamente posto in essere con la sola finalità di simulare l’esercizio da parte di Google Italy Srl di una mera attività ausiliaria e preparatoria che non ha tuttavia trovato alcun riscontro negli elementi di fatto acquisiti”.

”Google rispetta le leggi fiscali in tutti i Paesi in cui opera e siamo fiduciosi di rispettare anche la legge italiana”. ha dichiarato un portavoce di Google ”Continueremo a collaborare con le autorità locali per rispondere alle loro domande relative a Google Italy e ai nostri servizi” ha ancora aggiunto.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: P2P e Web

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate