Robot che insegnano ad altri robot

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 20 Novembre 15 Autore: Pinter




L´evoluzione di una nuova specie: allo studio robot che sono in grado di insegnare ad altri robot. E´ la prossima frontiera della robotica grazie a una tecnica sviluppata dalla Brown University.

Creare una conoscenza condivisa e collettiva tra robot per consentire lo sviluppo più rapido delle loro abilità. Non è fantascienza, è l´ultima innovazione nella robotica, quella che andrebbe a risolvere uno dei problemi più spinosi per l´impiego industriale dei robot, ovvero quello della manipolazione di qualsiasi tipo di oggetto senza troppi problemi.

La professoressa Stefanie Tellex della Brown University, ha impiegato un robot destinato all´utilizzo industriale dotato di braccia e una faccia "touchscreen" chiamato Baxter per la realizzazione di una tecnica di condivisione della conoscenza tra robot. Questo modello è in grado di analizzare gli oggetti attraverso una serie di sensori a infrarossi e videocamere per capire come maneggiarli.

È ovviamente un processo lento che può richiedere molto tempo, il robot procede per tentativi finché non individua l´attrezzo adeguato per sollevare l´oggetto in tutta sicurezza, e in ambito industriale serve innanzitutto efficienza e rapidità di esecuzione (immaginiamo l´assemblaggio di componenti elettronici o la gestione di un magazzino).

Robot che insegnano ad altri robot - immagine 1
Tuttavia, una volta capito come fare, quello stesso robot può condividere la sua "scoperta" con centinaia di altri simili per velocizzare il processo di apprendimento. L´upload della conoscenza avviene attraverso la codifica dell´informazione in un formato specifico, che viene quindi distribuito ai cervelli dei robot.

I test portati avanti dalla professoressa si sono dimostrati incoraggianti: sostituendo il firmware preinstallato dei Baxter con uno sviluppato ad hoc, si è ottenuto un miglioramento del 75% delle capacità di maneggiare correttamente un oggetto al primo colpo. Non sono difficili da immaginare i vantaggi per tutte quelle aziende che investono sempre più nella robotica: grazie alla professoressa Tellex, potremmo assistere a una nuova generazione di robot capaci di maneggiare qualunque tipo di oggetto "out of the box", indipendentemente dall´ambito industriale d´impiego, ma anche impegnati in un processo di apprendimento continuo che migliora la propria efficienza nel tempo.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE