Recensione: Motorola Moto G4 Plus, lo smartphone da 300 euro che vuol fare il top di gamma

Naviga SWZ: Home Page » Articoli
Articolo del 11 Luglio 16 Autore: Stefano Fossati
Del Moto G4 Plus abbiamo già parlato qualche settimana fa: ora ho avuto modo di provare il nuovo phablet di fascia media di Motorola. Anche se, dopo averlo usato per una settimana, devo dire che in realtà a posizionare questo dispositivo nella “fascia media” è più che altro il prezzo (300 euro di listino, ma non è difficile trovarlo anche a qualche decina di euro in meno), perché – come da tradizione per la gamma Moto G - l’esperienza d’uso si avvicina molto a quella di un telefono (ben più costoso) di fascia alta.

Recensione: Motorola Moto G4 Plus, lo smartphone da 300 euro che vuol fare il top di gamma - immagine 1
Rispetto a un top di gamma dal prezzo più che doppio, infatti, le rinunce non sono poi molte: certo, la dotazione è ridotta all´osso, con la confezione che, oltre al telefono, contiene solo caricabatteria e relativo cavo è il classico manualetto di avvio rapido. Il processore del Moto G4 Plus è lo Snapdragon 617 anziché il più performante Snapdragon 820, ma si tratta pur sempre di un octa-core con prestazioni di tutto rispetto, supportato da 2 GB di RAM (il minimo indispensabile oggi per uno smartphone). E infatti la fluidità di funzionamento è sempre buona, anche nel multitasking e anche nelle applicazioni, come i giochi, che ricorrono massicciamente alla grafica. Bisogna rinunciare anche al modulo NFC e questo è un po’ seccante dal nostro punto di vista, nel momento in cui finalmente anche in Italia iniziano a vedersi i primi sistemi di pagamento tramite smartphone che fanno ricorso a questa tecnologia. Seccante è pure la mancanza di un led di notifica, anche perché non avrebbe inciso più di tanto sui costi. In compenso c’è la radio FM, non più così scontata sugli smartphone attuali. Il display non è un QHD di ultima generazione ma è comunque un buon Full HD da 5,5 pollici (1920x1080 pixel di risoluzione): è un classico IPS, non è “always on” ma si attiva alla rilevazione del movimento e ci ha lasciato bene impressionati per l’ottima reattività del touch screen. E ottima è anche la reattività del sensore di impronte digitali, precisissimo e velocissimo, posto al di sotto del display. Al di sopra c’è invece l’altoparlante auricolare che fa anche da altoparlante generale per la riproduzione di suoni e il vivavoce, con una buona potenza e una qualità di riproduzione più che discreta.

Recensione: Motorola Moto G4 Plus, lo smartphone da 300 euro che vuol fare il top di gamma - immagine 2
Solido e ben fatto - In mano il Moto G4 Plus offre una rassicurante sensazione di solidità: è ben costruito, con il bordo in metallo satinato in cui sono alloggiati sulla destra il tasto di accensione/spegnimento e il bilanciere del controllo volume (il primo è zigrinato per poterlo riconoscere immediatamente al tatto). La linea non è nulla di originale, un po’ “Samsung style”, ma del resto è quello che richiede il mercato attualmente. Davanti c’è un resistente vetro Gorilla glass 3 mentre il dorso è in policarbonato con finitura “effetto pelle”: un materiale che non sarà percepito come “premium” da molti utenti, a differenza del vetro o dell’alluminio, però non possiamo non ammettere che ha il vantaggio di assicurare un ottimo grip quando si impugna lo smartphone.



[  [1] 2  3  4     Successiva »   ]

Pagine Totali: 4

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter