Qualcomm condannata a pagare quasi 1000 milioni di dollari

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 12 Febbraio 15 Autore: Pinter
Qualcomm condannata a pagare quasi 1000 milioni di dollari
Qualcomm dovrà pagare una multa di 975 milioni di dollari per violazione delle norme antitrust cinesi. Dopo un braccio di ferro di un anno tra il colosso dei chip e la National Development and Reform Commission (NDRC) della Repubblica Popolare Cinese si è giunti a un accordo che chiude definitivamente la questione – e non prevedrà ricorsi. Di fatto accettate una serie di concessioni, il colosso statunitense potrà proseguire nella sua attività.

Com´è risaputo l´azienda ottiene la maggior parte dei suoi profitti dal mercato licenziatario correlato ai brevetti dei suoi chip, forniti alle aziende leader del settore hi-tech. Fino a oggi Qualcomm forniva dei pacchetti licenziatari che comprendevano anche tecnologie inutili o secondarie, non solo gli elementi fondamentali per usare i suoi chip negli smartphone 3G e 4G.

Grazie all´accordo cinese d´ora in poi sarà costretta a offrire quanto richiesto senza spese extra. Inoltre le tariffe licenziatarie dovranno essere in linea con quelle del resto del mondo.

L´unica buona notizia, a cui l´AD Steve Mollenkopf ha dato risalto, è legata al miglior posizionamento dell´azienda sul mercato cinese: non sono più previste sorprese per il futuro. Il NASDAQ ieri alla notizia della sanzione ha penalizzato le azioni di circa il 3%. Forse neanche tanto, poiché in fondo il fatturato cinese vale più di 13 miliardi di dollari – il 50% di quello complessivo.

L´unico rischio per Qualcomm è che ora, su altri mercati, le Antistrust nazionali decidano di seguire l´esempio cinese.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: P2P e Web

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE