Putin vs Microsoft & Co: è battaglia contro i prodotti informatici americani

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 29 Settembre 16 Autore: Fabio Ferraro
I rapporti fra Russia e Stati Uniti sono sempre più tesi e questo si riflette anche nel mondo IT. Esempi sono la recente fuga di informazioni da account di personaggi noti americani, imputate al governo russo, o la chiusura dei servizi di alcune delle più importanti aziende statunitensi in Crimea a seguito dell’annessione alla Russia nel 2014. Ed è in risposta alle forti sanzioni da parte di Unione Europea e USA che il governo russo ha intenzione di estromettere, almeno dagli enti statali, prodotti informatici statunitensi, a favore di sistemi sviluppati localmente.

Putin vs Microsoft & Co: è battaglia contro i prodotti informatici americani - immagine 1

Questa mossa secondo il Cremlino dovrebbe avere il doppio scopo di promuovere la produzione interna, investendo risorse in aziende locali e di non dare in pasto informazioni sensibili  a società estere (quindi potenzialmente poco affidabili), incrementando, almeno nelle intenzioni, la sicurezza nazionale.
Alcuni passi verso l’autarchia tecnologica della Russia sono già stati compiuti. Nel campo della videosorveglianza, ad esempio, i sistemi Cisco sono stati sostituti da prodotti locali. Analogamente, l’ente statale che si occupa di mass media in Russia ha abbandonato i database di Oracle a favore di un software libero sviluppato localmente, PostGree SQL. Ma queste sono solo le prime di alcune mosse volte all’indipendenza tecnologica della Russia che  inizialmente passerà attraverso i servizi di posta elettronica.
A Mosca, i prodotti Microsoft Exchance Server e Outlook saranno infatti sostituti, su oltre 6.000 macchine, con un software sviluppato dalla società statale Rostelecom. Nel prossimo futuro sarà inoltre integrato, su 600.000 computer, un software rilasciato da New Cloud Technologies. Il punto di arrivo (per adesso piuttosto utopico) sarà l’abbandono di Windows e Office a favore di soluzioni made in Russia.

Putin vs Microsoft & Co: è battaglia contro i prodotti informatici americani - immagine 2

Per contribuire alla competitività dei prodotti russi, saranno concessi finanziamenti ad aziende impegnate nel mondo IT mentre aumenterà la pressione fiscale sulle società straniere (statunitensi in primis).  Stilata, inoltre, una lista di 2.000 prodotti informatici russi in grado di sostituire software provenienti dall’estero.

Putin vs Microsoft & Co: è battaglia contro i prodotti informatici americani - immagine 3

Questa politica “nazionalistica” studiata dal governo guidato da Putin porterà una grave perdita per le aziende statunitensi: annualmente, infatti, gli enti governativi russi spendono quasi 300 milioni di dollari per l’acquisto di software.  Basteranno queste iniziative a garantire alla Russia un’indipedenza tecnologica dagli Stati Uniti?
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Windows

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE