Popcorn Time diventa ancora più facile da usare

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 06 Febbraio 16 Autore: Pinter
Popcorn Time è sicuramente la più celebre "alternativa" ai servizi streaming on demand legali. Non a caso Netflix lo ha da tempo definito come il suo diretto rivale. I detentori dei diritti si sono da tempo scagliati contro Popcorn Time, cercando più volte un modo per renderlo inoffensivo. Se già lo scontro poteva sembrare quasi impossibile da vincere, le ultime evoluzioni hanno reso la battaglia sostanzialmente impossibile. E´ infatti nato Popcorn Time Online, una versione realizzata per la fruizione tramite un qualunque web browser (ad eccezione di Safari ed Edge , almeno per il momento).

Non sarà quindi necessario scaricare ed installare un client: tutte le funzionalità di Popcorn Time vengono gestite direttamente in una finestra del browser, previo il download di un apposito plug-in. Sono quindi supportati i video a 720p e 1080p, Chromecast, AirPlay e DLNA. Bloccare questa nuova versione sarà ancora più difficile, poiché il codice per la creazione di siti web con analoghe caratteristiche è stato rilasciato con licenza open source. Chiudere (o rendere irraggiungibile) un sito non comporterà quindi la fine di Popcorn Time.

Nel ricordare che l´utilizzo di servizi o applicazioni di questo tipo è illegale, ci permettiamo di riportare alcune riflessioni. La popolarità di Popcorn Time è data non solo dalla gratuità, ma anche dalla semplicità con cui è possibile accedere ai contenuti. L´evoluzione tecnologica ha reso obsoleti il concetto di "finestre di esclusiva" (accordi in virtù dei quali i film possono essere visti solo al cinema, per tot tempo, per poi essere disponibili solo a noleggio e via dicendo) e la distribuzione dei contenuti vincolata ai singoli Paesi. Gli utenti hanno dimostrato di voler guardare i contenuti desiderati quando sono "freschi": non è un caso se per le serie TV viene offerta sempre più spesso la distribuzione in contemporanea con gli Stati Uniti.

Popcorn Time diventa ancora più facile da usare - immagine 1

Il successo dello streaming on demand (guidato da Netflix) è la prova che gli utenti sono disposti a pagare per l´accesso ai contenuti, se i servizi proposti permettono di accedere facilmente ad una buona quantità di film e/o serie TV. I detentori dei diritti non sembrano però pronti ad adeguarsi alle mutate condizioni del mercato.

Il tentativo di chiusura sul fronte degli "unblockers", operato recentemente da Netflix, ne è la prova. Riteniamo che la strada da seguire non sia questa: cercare di mantenere lo status quo, frammentando la distribuzione e arrivando persino ad impedire l´accesso ai contenuti, in alcuni Paesi (in alcuni Stati esistono serie TV e film di fatto non presenti su alcuna piattaforma), potrebbe facilmente favorire la pirateria, che gode sempre di ottima salute.

Auspichiamo dunque che i diretti interessati si siedano ad un tavolo e pianifichino i cambiamenti da apportare in futuro (ed in Europa qualcosa sembra muoversi sul fronte del mercato unico digitale ). Netflix ed altri distributori di contenuti hanno già colto "il vento del cambiamento" (anche relativo al cinema, con i film distribuiti in contemporanea nelle sale e online), ora tocca all´industria dell´intrattenimento.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: P2P e Web

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE