Pechino chiude iTunes e Tim Cook è costretto a volare in Cina

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 30 Aprile 16 Autore: Andrea Mancini
Apple non sta attraversando un buon periodo: il titolo dell´azienda di Cupertino ha registrato dei dati negativi che hanno fatto preoccupare i fan e soprattutto gli investitori. Fatturato in calo del 13% rispetto all´anno scorso e vendite di iPhone calate del 18% mentre quelle dell’iPad del 19%. Numeri negativi cui quelli della Apple non sono abituati anche se comunque l´azienda può sempre contare su un utile di più di cinquanta miliardi di dollari.

Come se la situazione economica non bastasse, Tim Cook, CEO della Apple, deve affrontare nuovi problemi in Cina. A Pechino infatti il governo locale ha deciso di chiudere i servizi iTunes Movies e l´iBook store per le solite questioni di censura che spesso affliggono il paese asiatico. I politici cinesi infatti cercano in ogni modo di controllare tutto ciò che avviene su internet e per questo hanno deciso di recente di bloccare l´accesso a iTunes. Per non perdere peso nell´importante mercato dell´Asia, Cook è dovuto recarsi al più presto a Pechino.


Nelle settimane precedenti uno degli investitori più noti della Apple, ovvero Carl Icahn aveva deciso di abbandonare l´azienda perchè secondo lui la ditta non distribuiva equamente i ricavi ai propri azionisti. Icahn possedeva circa l´1 per cento delle azioni Apple, un numero esiguo che in realtà gli permetteva di guadagnare più o meno due milioni di dollari all´anno. Secondo lui però erano troppo pochi dato che l´azienda fattura miliardi e quindi le sue azioni avrebbero dovuto valere molto di più. Inoltre Icahn era preoccupato come altri investitori che il blocco in Cina potrebbe portare altri risultati negativi alla compagnia dell´iPhone.

Da quello che si sa il governo cinese preferisce favorire le aziende tech nazionali come Alibaba e Huawei invece di lasciare campo aperto alle ditte straniere. Per la Apple che in Cina ha il secondo mercato più proficuo dopo gli Stati Uniti si è trattato di un colpo basso e inaspettato. Anche se gli store online non rendono ancora quando i computer e i tablet, il viaggio di Cook è da considerarsi come una presa di posizione della Apple contro la censura e per il ripristino delle operazioni in Cina.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate