Oculus Rift arriva in Europa (non in Italia), in attesa della sfida wireless di Intel

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 10 Settembre 16 Autore: Stefano Fossati
Mentre Intel annuncia di volersi lanciare nel sempre più ricco mercato dei visori per la realtà virtuale, Oculus Rift arriva finalmente nei negozi europei, ma non in quelli italiani, almeno per il momento. Il visore di Facebook, già lanciato negli Usa all´inizio di quest´anno, è ora preordinabile a 699 euro in Francia, Germania e Regno Unito, oltre che in Canada; le consegne inizieranno il prossimo 20 settembre in alcune delle principali catene retail, fra cui Saturn, Harrods e John Lewis. Non ci sono invece comunicazioni ufficiali su quando lo vedremo nei nostri store, in ogni caso gli utenti italiani possono continuare a ordinarlo online negli Stati Uniti.

Oculus Rift arriva in Europa (non in Italia), in attesa della sfida wireless di Intel - immagine 1

Per quanto riguarda Intel, in apertura del forum per gli sviluppatori a San Francisco il colosso dei chip ha svelato ufficialmente nei giorni scorsi Project Alloy, un dispositivo che consente di "immergersi" nella realtà virtuale. Il CEO del gruppo, Brian Krzanich, ha mostrato sul palco un prototipo di visore (foto sotto) per esperienze "immersive" fra realtà aumentata e virtuale, in cui gli oggetti reali si fondono con l´ambiente virtuale. Basato sulla tecnologia RealSense, che sfrutta una videocamera 3D, Project Alloy (a differenza di Oculus Rift) non ha fili e non richiede di essere necessariamente collegato a un pc dalle prestazioni avanzate per funzionare; inoltre non sono necessari controller più o meno complessi, dal momento che consente di interagire con gli oggetti direttamente con i movimenti delle mani.

Oculus Rift arriva in Europa (non in Italia), in attesa della sfida wireless di Intel - immagine 2

Caratteristiche decisamente interessanti, ma non pensare di poterti regalare un simile visore per il prossimo Natale. Intel non prevede di realizzare e commercializzare direttamente il dispositivo: piuttosto il progetto ha lo scopo di introdurre sul mercato una nuova tecnologia che, come di consueto, il gruppo venderà ad aziende partner per la produzione dei loro visori VR. In ogni caso, i primi prodotti definitivi non si vedranno prima della fine del 2017. Per il suo sviluppo, la casa di Santa Clara ha siglato una serie di collaborazioni, fra le quali spicca quella con Microsoft per l´ottimizzazione di contenuti basati su Windows.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate