Occhio alla chiavetta, ora i malware arrivano per posta

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 14 Novembre 16 Autore: Stefano Fossati
Un nuovo veicolo per la diffusione di malware sembra prendere piede subdolamente a partire dall’Australia: la cassetta della posta. Non della posta elettronica, ma di quella “fisica”: la polizia di Victoria (in Australia, appunto) ha infatti diffuso un allarme in cui mette in guardia i cittadini dall’inserire nel proprio pc eventuali chiavette USB che dovessero trovare nella casella di posta della loro abitazione, dal momento che si ritiene che possano essere “estremamente nocive”.

Occhio alla chiavetta, ora i malware arrivano per posta - immagine 1

“Inserendo i drive USB nel loro computer le vittime si sono viste offrire servizi di streaming fraudolenti e hanno riscontrato seri problemi”, si legge in una nota delle forze dell’ordine in cui si invita chiunque avesse informazioni in merito a contattare il servizio anticrimine. Un portavoce ha poi spiegato che queste chiavette USB – prive di qualunque scritta o marchio - danneggiano il pc in cui vengono inserite, pur non specificando né la natura dei danni né quante persone nell’area di Victoria siano state finora vittime di questo attacco informatico distribuito per posta.

Lo scorso anno un esperimento condotto da CompTIA, associazione che riunisce aziende e professionisti dell’information technology, dimostrò che una persona su cinque, dopo avere trovato una chiavetta USB per strada o in altri luoghi pubblici, non esita a inserirla nel proprio computer. E quel che è peggio, stando a un’ulteriore studio realizzato nei mesi scorsi dall’università dell’Illinois, quasi la metà di coloro che trovano una chiavetta USB in un parcheggio non si fa problemi non solo a connetterla al pc, ma anche ad aprire i file in essa contenuti. Inutile aggiungere che la curiosità, in questi casi, potrebbe rivelarsi letale per il proprio computer: oltre al rischio che la memoria USB contenga malware che possono infettare l’hard disk e danneggiare i suoi contenuti, è documentata l’esistenza di chiavette che, una volta inserite in una porta USB, rilasciano una scarica elettrica ad alta tensione in grado di “bruciare” in pochi istanti numerosi componenti elettronici del computer, rendendolo del tutto inservibile.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Sicurezza

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate