Notizia Precedente
Ace Online 4.4.1.5

Minacce a Twitter per la sua guerra al terrorismo

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 04 Marzo 15 Autore: Pinter
Minacce a Twitter per la sua guerra al terrorismo
Twitter chiude gli account dei terroristi e continua la sua guerra contro l’Isis: negli ultimi giorni il sito di microblogging ha sospeso almeno 2.000 account legati al califfato e ai suoi sostenitori. Secondo i media statunitensi, tra i siti chiusi ci sono alcuni tra i più importanti canali propagandistici del messaggio dello Stato Islamico. Secondo l’analista J.M. Berger, tra i siti sospesi ci sono 13 dei 16 account considerati i piu’ importanti canali di propaganda dell’Isis. “Twitter ha fatto molto durante la scorsa settimana – ha affermato Berger – Li ha colpiti in modo abbastanza duro”.

l´ISIS risponde minacciando di uccidere il fondatore e i dipendenti del social network. Un´immagine con la foto di Jack Dorsey al centro di un mirino e una scritta in arabo è stata diffusa in rete e le forze dell´ordine stanno facendo le opportune verifiche: non si tratta della prima minaccia nei confronti di Twitter. 

Minacce a Twitter per la sua guerra al terrorismo - immagine 1
Twitter ha dichiarato alla rete televisiva CNBC che: "Il nostro team di sicurezza sta indagando sulla loro attendibilità con le pertinenti forze di polizia". La minaccia è apparsa su un sito web Pastebin polacco. I pastebin sono applicazioni web che permettono agli sviluppatori di diffondere codice sorgente per la visualizzazione pubblica.

Quanto mai esplicito il messaggio dei presunti fiancheggiatori dell´ISIS: "Avete iniziato questa guerra fallimentare, vi avevamo detto dall´inizio che non è la vostra guerra, ma non lo avete capito e avete continuato a chiudere i nostri account su Twitter, ma come vedete noi torniamo sempre. Ma quando i nostri leoni (uomini coraggiosi) verranno a togliervi il respiro, allora voi non resusciterete". Quindi l´appello "A tutti i jihadisti individuali nel mondo: colpite Twitter e i suoi interessi in ogni luogo, persona ed edificio, e non lasciate sopravvivere nessun ateo".

La minaccia, presunta o reale che sia, ripropone il tema della censura dell´attività online dei terroristi. Alcuni giorni fa l´Ordine dei Giornalisti ha invitato le emittenti televisive e le testate online italiane a non utilizzare i video di propaganda. "Non rispondono in alcun modo al legittimo diritto di cronaca che può essere comunque esercitato dando la notizia senza questo genere di immagini – è detto in una nota -  e la trasmissione rischia di diventare cassa di risonanza della propaganda mediatica dell´Isis e di alimentare una escalation incontrollabile di violenza".

Dello stesso avviso il ricercatore della Brookings Institution e co-autore del volume di prossima uscita "ISIS, the State of Terror", J. M. Berger. "Credo sia ragionevole rendere più dura la vita ai terroristi che diffondono la loro propaganda. Non possiamo liberarcene del tutto, ma possiamo limitarne la portata. Nel farlo, impediamo loro di ottenere alcuni dei loro obiettivi. Il tutto dovrebbe essere accompagnato da sforzi per dare alle persone il contesto necessario a comprendere quel materiale, ma è difficile nell´attuale clima politico. Ci sono poi questioni spinose riguardo alla libera espressione, ma come non diamo ad Al Qaeda o Isis tempo televisivo per diffondere i loro messaggi, non siamo costretti a consentire lo facciano su una piattaforma on line, senza restrizioni".

Una fonte ha inoltre spiegato che l’operazione anti-propaganda di Twitter non e’ stata portata avanti a causa delle pressioni del governo americano, poiche’ l’intelligence statunitense preferirebbe al contrario che gli account rimanessero aperti per raccogliere informazioni.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Sicurezza

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate