Ma i Google Glass sono davvero da considerarsi un fallimento?

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 23 Marzo 16 Autore: Fabio Ferraro
Un display ad alta definizione che offre l’effetto di un monitor da 25 pollici a due metri di distanza, una fotocamera da 5 mega pixel con la capacità di registrare video in HD ready a 720p, connettività tramite Wi-Fi e Bluetooth, uno spazio di archiviazione di 12 giga sincronizzato con un servizio di cloud e audio a conduzione ossea (ossia l’utilizzando le ossa del cranio per la conduzione di suoni). Il tutto racchiuso in un paio di occhiali.
Sono queste le specifiche tecniche di uno dei dispositivi che più ha creato hipe fra gli appassionati di tecnologia: i Google Glass.

Ma i Google Glass sono davvero da considerarsi un fallimento? - immagine 1

Pensati come occhiali capaci di immergere l’utilizzatore nella realtà aumentata (arricchendo quindi la percezione sensoriale con numerose informazioni), non sono in realtà riusciti a soddisfare le aspettative di utenti, sviluppatori e investitori. I fattori che hanno influenzato il mancato successo dei Google Glass sono diversi: da una carente durata della batteria, all’eccessivo riscaldamento del dispositivo, oltre ad un prezzo piuttosto elevato (1500 dollari, tasse escluse).

Ma i Google Glass sono davvero da considerarsi un fallimento? - immagine 2

Anche per gli sviluppatori di applicazioni i Google Glass si sono dimostrati un terreno arido: infatti, le forti restrizioni dovute alle leggi per la tutela della privacy non hanno permesso una totale libertà di progettazione alle software house. Infine, anche se può sembrare banale, l’aspetto estetico dei Google Glass non ha aiutato una larga diffusione, rendendo l’utente dall’aspetto impacciato e “strano”.

Ma i Google Glass sono davvero da considerarsi un fallimento? - immagine 3

Ma forse, ciò che ha maggiormente influito sull’andamento del prodotto è stata la politica di marketing di Google: i Google Glass avrebbero dovuto fare di tutto facilitando la vita degli utilizzatori, ma in realtà le funzioni offerte erano mal sviluppate e spesso inutili. Per questo, i Google Glass sono andati fuori produzione, con una diffusione di poche migliaia di unità e mai arrivati nel mercato consumer. È quindi definitivamente terminato il progetto di occhiali a realtà aumentata? In realtà no.

Infatti, nonostante non abbiano ottenuto riscontro nel mondo consumer, l’ambito professionale sembra invece molto interessato a questo prodotto: pensiamo all’ambito medico (soprattutto chirurgico), militare o anche alle aziende del settore secondario.

Sull’onda di questo forte interesse, è in via di sviluppo una nuova versione dei Google Glass: l’enterprise edition. Questi avranno specifiche hardware migliori e in grado di soddisfare le esigenze di figure professionali (processore intel più potente, display più ampio per offrire una maggiore visibilità, autonomia migliorata e design più confortevole).

Ma i Google Glass sono davvero da considerarsi un fallimento? - immagine 4

L’eterprise edition sarà un nuovo fallimento o creerà basi migliori per uno sviluppo di prodotti consumer? Per la risposta alla prossima puntata...
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Windows

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE