Libertà negate: installare sui PC i software che vogliamo

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 07 Maggio 15 Autore:
Libertà negate: installare sui PC i software che vogliamo
Oggi, la nostra capacità di fare innovazione – condividendo le nostre idee, e aggiungendo valore alle idee che altri hanno condiviso con noi, in un continuum senza interruzione che esprime il potenziale dell’intelligenza collettiva – dipende in modo sempre più stretto dalla tecnologia. Molte cose che facciamo non sono possibili senza i PC.

La tecnologia sta condizionando le nostre potenzialità di individui in grado di creare qualcosa di diverso e superiore rispetto alla nostra individualità, e questo è dovuto – in parte – alle limitazioni che alcune grandi aziende cercano di imporre alla nostra libertà. Per esempio, limitando la capacità di installare o modificare le applicazioni sul PC, o impedendo la modifica del PC stesso perché risponda in modo migliore alle nostre esigenze.

Qualche giorno fa c´è stata la Giornata Internazionale contro la Gestione dei Diritti Digitali (DRM o Digital Rights Management, che nella realtà dovrebbe essere Digital Restrictions Management in quanto i DRM impongono restrizioni e non gestiscono i diritti se non delle grandi aziende che sviluppano software e contenuti).

Per esempio, per quale motivo i libri digitali regolarmente acquistati possono essere letti solo su un dispositivo, che è quasi sempre quello venduto dalla stessa azienda da cui ho acquistato il libro stesso? Un libro cartaceo non imporrebbe la stessa restrizione, e potrebbe essere letto da più persone senza limitazioni. Lo stesso vale per la musica.

Il software non è da meno, anche se moltissimi utenti non percepiscono nemmeno i condizionamenti a cui vengono intenzionalmente sottoposti dalle aziende, come per esempio nel caso dei PC su cui può essere installato solo Windows in quanto la macchina stessa impedisce – a chi non ha competenze tecniche – di passare a sistemi operativi ampiamente migliori, e per di più liberi (e gratuiti).

Certo, le aziende che hanno sviluppato il proprio modello di business sulla privatizzazione – piuttosto che sulla condivisione – della conoscenza, non possono fare altro che difendere le proprie posizioni con questi artifici, e dirottare su altri capitoli di spesa – gli avvocati e i lobbisti – il denaro che altrimenti potrebbero investire sull’innovazione.

Quello di leggere i libri e di ascoltare la musica in formato digitale su qualsiasi dispositivo è un diritto sacrosanto degli utenti, che va difeso, così come va difesa la possibilità di scegliere il software da installare sul proprio PC, a partire dal sistema operativo. Prima di fare un acquisto, informatevi sulla presenza dei DRM, e sulla possibilità di installare liberamente il software: solo in questo modo avrete la possibilità di condividere la conoscenza – nel rispetto assoluto della legge – aggiungendo valore a quello che altri hanno condiviso con voi.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Windows

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE