Le Google Car imparano a riconoscere i bambini (anche mascherati da Hallowen)

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 12 Novembre 15 Autore: Pinter
Uno dei problemi delle macchine autoguidate, delle Google Car ovvero le auto che si guidano da sole, è riconoscere l´imprevedibilità. Ed i bambini -si sa- sono assolutamente imprevedibili, quindi le macchine devono imparare a riconoscerli, anche se sono mascherati.

Hanno percorso oltre due milioni di chilometri in autonomia e adesso imparano a riconoscere i bambini, anche se mascherati

Gli ingegneri di Google per migliorare la sicurezza delle proprie auto hanno approfittato della festività di Halloween per chiedere a diverse famiglie con bambini di girare intorno alle vetture parcheggiate, in modo che i sensori imparassero a riconoscere i bambini anche se sono mascherati.

Le Google Car imparano a riconoscere i bambini (anche mascherati da Hallowen) - immagine 1
“Insegniamo alle nostre auto a guidare con la massima attenzione e cautela in presenza dei bambini”, cita un comunicato ufficiale.“Se i sensori riconoscono bimbi, il software elabora le informazioni e dà l’input per un differente comportamento rispetto quello proposto per gli adulti. I loro movimenti possono essere più imprevedibili – attraversano improvvisamente la strada, o corrono lungo un marciapiede – e la loro presenza può essere nascosta dai veicoli parcheggiati“.

Se si analizzano gli incidenti accaduti alle Google Car negli ultimi tempi, uno dei problemi maggiori è il comportamento imprevedibile ed indisciplinato degli automobilisti. Non sarà facile trovare algoritmi che possano anticipare errori imprevisti da parte di automobilisti, pedoni e degli stessi autisti di sicurezza che si trovano a bordo di queste driverless car auto. Figuriamoci per i bambini.






La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE