La Sindrome della Vibrazione Fantasma

Naviga SWZ: Home Page » Articoli
Articolo del 13 Gennaio 16 Autore: Pinter
Usare il telefonino genera così tanto stress che qualcuno ogni tanto può arrivare a sentire delle "vibrazioni fantasma".
In altre parole, c´è chi immagina di aver ricevuto un SMS, una chiamata o una mail, quando in realtà non c´è proprio nulla da controllare. E da quando abbiamo gli smartphone , il problema è peggiorato.

Trascorriamo in media 2 ore al giorno a navigare, postare e commentare su Facebook, Twitter, YouTube e altre piattaforme social. Le ricadute di questa abitudine su lessico e tempo sprecato sono costantemente sotto ai nostri occhi ("mi hanno taggato in una foto", "ho messo like al suo status"...). Ma quali sono gli effetti dei social media sul nostro cervello?

Ecco una teoria curiosa e per nulla incredibile, che arriva dalla British Psycological Society. Alcune persone a quanto pare accumulano grandi livelli di ansia e stress "da notifica" – così alti che provocano queste sensazioni illusorie.
Più spesso si mette mano al telefono per controllare chiamate perse o messaggi e più si alza il livello d´ansia.

La Sindrome della Vibrazione Fantasma - immagine 1
Il team diAsapScience ci ha spiegato in 5 punti come l´uso dei social altera alcuni meccanismi cerebrali. Eccoli:

1. DIPENDENZA. Il 5-10% degli utenti online è incapace di controllare il tempo trascorso sui social. Le scansioni cerebrali di queste persone rivelano danni nelle stesse aree del cervello di chi fa abuso di droghe: si nota una degradazione della sostanza bianca nelle regioni che controllano le emozioni, l´attenzione e i processi decisionali.
La ragione è da ricercare nell´appagamento immediato, con poco sforzo, offerto dai social media, che fa sì che il cervello sviluppi dipendenza dagli stimoli da essi offerti (99 giorni senza Facebook: ce la faresti?).

2. MULTITASKING. Si potrebbe pensare che l´uso dei social ci renda più abili nel gestire più compiti contemporaneamente. La prova? Sappiamo tenere nello stesso momento una finestra aperta su Facebook, una su Twitter e una sulla mail che stiamo scrivendo.
In realtà è stato dimostrato che chi trascorre molto tempo sui social diviene meno abile nel passare da un compito all´altro, più facilmente distraibile e meno efficiente nell´immagazzinare le informazioni nella memoria (oltre al rischio depressione, di cui abbiamo già parlato).

La Sindrome della Vibrazione Fantasma - immagine 2
3. SINDROME DA VIBRAZIONE FANTASMA. "Aspetta, mi è vibrato il cellulare! Ah no, me lo sono sognato": è una frase che vi capita di pronunciare, o sentire, sempre più spesso? In effetti uno studio ha dimostrato che l´89% degli intervistati prova questa sensazione una volta ogni 15 giorni.
Il fenomeno, in aumento, sembrerebbe dovuto al fatto che  smartphone e tablet, complice l´utilizzo dei social, ci seguono ormai dappertutto e sono divenuti appendici di mani e tasche. Vengono così interpretati come "arti fantasma" dalle aree del cervello che analizzano le sensazioni tattili (come la corteccia somatosensoriale) e finiscono per interferire con le nostre percezioni tattili.

4. RILASCIO DI DOPAMINA. Studi in risonanza magnetica funzionale hanno dimostrato che i centri della ricompensa nel cervello sono più attivi quando, in una conversazione, stiamo parlando di noi, piuttosto che quando ci è chiesto di ascoltare. Ma se nelle chiacchierate faccia a faccia parliamo di noi stessi nel 30-40% delle volte, su Facebook è autocentrato l´80% dei post. Quando scriviamo di noi nel nostro cervello si libera dopamina, un neurotrasmettitore associato alle sensazioni di benessere: è come se il cervello in qualche modo ricompensasse il nostro egocentrismo! (Come scovare i narcisi su Facebook)

5. RELAZIONI INTERPERSONALI. Forse per la nostra tendenza a trascorrere molto tempo online, gli studi dimostrano che le relazioni nate online non sono così effimere come si credeva. Una ricerca dell´Università di Chicago ha dimostrato che i rapporti nati su Internet sono persino più solidi di quelli nati offline. Il motivo è da ricercare, forse, nel fatto che in queste storie, prima di incontrarsi di persona si ha modo di conoscere gusti e passioni dell´altro.



I dati di partenza sono stati ottenuti dall´Università di Worcester, che ha somministrato questionari specifici a circa 100 partecipanti, diversi per età e professione. È emerso un vero e proprio cortocircuito: se all´inizio lo smartphone si comprava per migliorare la qualità della vita, in breve i vantaggi svaniscono di fronte alla "pressione di stare dietro alla propria vita sociale espansa dai social network.
Più il soggetto diventa stressato e ansioso più iniziano comportamenti compulsivi come il controllare continuamente il display, fino ad arrivare a immaginare la vibrazione quando in realtà non avviene", spiega Richard Balding, uno degli autori.

Non è la prima volta che si parla del fenomeno, è almeno dal 2006 che si parla di  "sindrome da squillo fantasma", che fa sentire squilli immaginari, a cui si è poi aggiunto poco dopo  il problema della vibrazione, – in inglese esistono già i termini specifici "ringxiety" e "vibranxiety".

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter